SerieC, tra Old Rags e Seveso vince la pioggia. Gara sospesa al 4° sull’1-1

Pubblicato il Mag 14 2018 - 2:05pm by Fabrizio Gatti

Accidenti, la partita era pure bella, le squadre si stavano equivalendo, i pitcher davano spettacolo, ma alla fine ci si è arresi al maltempo. Domenica 13 maggio 2018 era – alle 15,30 – una bella giornata di sole, con le previsioni meteo che davano acqua (tanta) nel tardo pomeriggio. Cominciano a giocare col caldo, gli Old Rags e i Cabs Seveso, affrontandosi senza timore e con gli ospiti alla ricerca di un eventuale ribaltamento del pronostico che non li vede favoriti. E i quattro inning completi giocati non bastano al minimo sindacale per l’omologazione, e poi si era in pareggio 1-1, e poi era una di quelle gare scorrevoli, perché in un’ora si era già a metà partita. Sul monte si affrontavano due “vecchi marpioni” – e non solo in senso lato – perché Nodari da Lodi ne fa trentotto e Aquilani da Seveso addirittura quarantadue, però entrambi conoscono bene il mestiere e lo sciorinano in lanci variegati e belle eliminazioni (4K a 2 per il Lodi) e in valide concesse (3V a 2 sempre per gli Olds), mentre negli errori sono i gialloverdi a primeggiare per 2-1.  Il Seveso prende il punto al 1° inning con un doppio di Segura che spinge a casa Anelli, appena arrivato in prima grazie ad una battuta personale. Gli Old Rags si fanno raggiungere al 3° con un paio di errori quasi consecutivi che aprono la porta di casa (base) agli ospiti. La partita è ancora tutta in divenire, con Contardi, che prima di andare in battuta ostenta le proprie stimmate perché nelle ultime tre partite è stato platealmente colpito, però innesca anche una pasquinata quando batte valido oltre la terza, una voce anonima mi sussurra “ma allora è vero che arriva in base anche senza farsi colpire!” così la gufata gli regala al turno successivo una pallinata-omaggio nella schiena. Qualche sorriso in dug out in mezzo ad un po’ di tensione, la squadra manca di cattiveria e qualcuno purtroppo fiuta già l’aria di un’altra annata storta. Saranno gli errori di Angel Colon? (quest’anno irriconoscibile!), sarà una mentalità da squadra rilassata, purtroppo radicatasi negli anni e apparentemente inestirpabile? Perbacco, le partite importanti sono ancora tutte lì da giocare, i ragazzi in gialloverde si ritroveranno davanti le avversarie che puntano ad “andare su” esattamente come loro. Mentre siamo lì a guardare le belle giocare difensive odierne (bene Caimmi, strepitoso Anelli alla sua prima chiamata da third-base) il cielo si rannuvola e in un fiat (senza la o, è latino!) si aprono le cateratte del cielo, il campo si allaga in pochi minuti, arriva a piovere nei dug out… L’arbitro Lucchini decreta la fine delle ostilità senza neppure dare il triplice fischio finale. Mica è il calcio, questo è il baseball, e se piove bisogna citare Yogi Berra: nel baseball ci sono tre possibilità: si vince, si perde…oppure piove.

Alla prossima

WordPress Author Box
Fabrizio Gatti

Eterno ragazzo, per tutti gli anni settanta ha giocato a baseball come pitcher nella squadra di Cremona - sua città natale - ricoprendo anche incarichi tecnici e direttivi. Con gli Old Rags di Lodi dal 2014, ne è dirigente accompagnatore, perfettamente integrato con lo spirito della società, per la quale ha scritto l’inno “Old Rags song”, in video su Youtube. Esperto di Comunicazione, lavora per una importante casa editrice. E’ soprannominato “Gatto” (e ci tiene).