SerieC, Old Rags Lodi continua la marcia verso i playoff

Pubblicato il Giu 4 2018 - 3:10pm by Fabrizio Gatti

Domenica 3 giugno 2018 di gran caldo, mentre si va preannunciando un’estate torrida, gli Old Rags sbrigano apparentemente senza fatica la pratica della partita dell’intergirone con il Legnano, in una trasferta che bisognava assolutamente non sottovalutare. I “lilla” guidano infatti la classifica del loro girone e confessano di nutrire qualche ambizione dopo aver asfaltato i Bulldog di Cernusco e messo in apprensione il Bovisio in una gara poi sospesa per maltempo. Per questo i lodigiani sono così silenziosi prima della partita: si può sentire la densità dell’aria (e non solo per l’afa) e vedere gli sguardi tesi, ma nel modo giusto. Insomma vinca il migliore. Un acciacchino di Nodari consiglia Blanchetti di tenerlo a riposo, consegnando la pallina del “mound” a Marco Speziali, promettente lanciatore finora utilizzato come infallibile closer. Ma oggi sulle sue (ampie) spalle sta la responsabilità dei lanci gialloverdi fin dall’inizio, un esordio come partente cui affidarsi senza remore. Il ragazzo di Codogno gioca tutta la partita chiudendo la manifesta con uno strike out all’8° inning, dopo 101 lanci ed una prestazione da ricordare (rl.8, 3K, 4V, 5BB). Eppure le cose per lui e i lodigiani non erano proprio cominciate in maniera leggera, per l’ottimo primo inning dei locali che battono subito due valide e fanno un punto. Ma né il pitcher né la squadra si scompongono e incominciano a macinare gioco e punti, aiutati in questo dagli errori dei legnanesi, con gravi colpe del terza base Quimi Zambrano  e dell’interbase Pelacchi che da soli riescono a firmare ben 5 dei complessivi 6 errori dei locali. Dall’altra parte la difesa lodigiana si mette a tenuta stagna con l’interbase Caimmi che supera gli esami da “leader” con giocate sempre importanti (5 fly out, un doppio gioco e un colto rubando in seconda base, di cui condivide il merito con il catcher Segura). In attacco, poi, “Pisti” arriva in base di riffa o di raffa cinque volte in sei turni, correndo a casa tre punti. In mezzo a questo sciorinar di baseball ci sta anche lo spazio per un “texas” oltre l’interbase al 7° e la firma in maiuscolo per la prestazione odierna. Tutta la difesa ha però brillato oggi, giocando con attenzione e grinta ogni pallina che veniva battuta in campo. Terzini – oltre ad un bella valida da due basi – ne ha eliminati tre da solo, tra prese al volo e assistenze in prima base ad un concentrato Dossena, a sue volta “catturatore” di un pop out avversario al 7° ma soprattutto proficuo in attacco con un triplo (!) e un singolo con 1 rbi nei primi due turni. Finirà la sua eccellente gara con un significativo 2/3. Segura dietro il piatto ha giocato secondo le aspettative, senza deconcentrarsi, spedendo verso la seconda base intimidatorie assistenze sui “ladri” e confermandosi necessario in battuta con un magico 2/3 (un doppio e un singolo che fruttano 2 rbi). Barchiesi meglio in difesa che in attacco ha coperto la sua zona di competenza in terza base con autorità, spedendo palline in prima base e afferrando la presa al volo che chiude il 5°. Anelli centerfield agguanta con sicurezza tutte le palline spedite dalle sue parti con 4 prese al volo non tutte facili e concedendosi un bel valido con 1 rbi al 4°. Capitan Contardi, non nuovo a prodezze, cattura due prese al volo piuttosto difficili, permettendo di chiudere il 7° inning con due legnanesi rimasti in base. In attacco (oltre la solita pallinata addosso, ormai un classico immancabile di ogni partita) esegue un prezioso sac bunt al 5° quando gli Old Rags fanno i quattro punti che delineeranno il resto della gara.  Insomma tutti efficacissimi (perché concentrati e tesi nella giusta maniera). C’è anche il tempo di fare entrare Papagni in esterna destra (su Ferri) che correrà a casa l’ultimo dei dodici punticini necessari a definire la manifesta.

 

OLD RAGS__0-1-3-0-4-3-0-1___ tot 12

LEGANO____1-0-0-0-0-1-0-0___ tot 2

 

Proprio mentre sto scrivendo mi arriva la notizia che il Bovisio ha perso. Ci sono vari sms scambiati quasi con giubilo, ma non va dimenticato che la pratica con i Buffaloes gli Old Rags se l’andranno a giocare domenica prossima proprio in casa dei principali antagonisti del girone. Ah, no! Dimentico sempre l’Ares, altra necessaria tappa da evidenziare per non perdere il passo con i playoff. Per questo c’è ancora tempo, e anche una pausa del campionato per ritemprare le forze.

In finale, consentitemi un piccolo “amarcord” personale. Su questo stesso campo (sono cambiate pochissime cose e i riferimenti erano ancora ben localizzati) ho giocato una lontana partita nel maggio 1972! C’era ancora la televisione in bianco nero ed ero un ragazzino che stava là dove oggi Speziali ha fatto la sua migliore performance. Eppure mi ricordavo tutto, nonostante siano passati qualcosa come trentotto anni, in primis perché poi non sono mai più capitato a Legnano, ma soprattutto perché di quel periodo si ricordano tutte le felicità, emozione per emozione, partita per partita.

WordPress Author Box
Fabrizio Gatti

Eterno ragazzo, per tutti gli anni settanta ha giocato a baseball come pitcher nella squadra di Cremona - sua città natale - ricoprendo anche incarichi tecnici e direttivi. Con gli Old Rags di Lodi dal 2014, ne è dirigente accompagnatore, perfettamente integrato con lo spirito della società, per la quale ha scritto l’inno “Old Rags song”, in video su Youtube. Esperto di Comunicazione, lavora per una importante casa editrice. E’ soprannominato “Gatto” (e ci tiene).