Bollate, Under16 e Under13 alle finali scudetto del softball!

Pubblicato il Set 23 2018 - 12:54pm by Redazione Baseballmania

Sotto un caldo sole di fine settembre in quel di Bollate stanno andando in scena le finali giovanili di softball, categoria U16 ed U13 per l’assegnazione degli scudetti di categoria. Al termine delle prime due semifinali le padrone di casa di Bollate si sono guadagnate l’accesso per la finalissima in entrambe le categorie, superando le cadette di Bussolengo e le ragazze di Collecchio, in entrambi i casi per manifesta superiorità. Nelle altre due semifinali si affronteranno Pianoro-Forlì (U16) e Pianoro-Saronno (U13).

Categoria U16

Nessun problema nella semifinale per il Monzesi New Bollate, che supera lo Specchiasol Bussolengocon il punteggio di 7-1 nel quinto inning dopo aver accumulato un consistente vantaggio a partire dalle prime frazioni di gara. Sospinte dalle eccellenti prestazioni in pedana di Sara Toso (2 IP, 6 K) e Elena Cavaglieri (3 IP, 6 K) le detentrici del titolo nazionale hanno inciso fin da subito, con diverse valide da extra-base (doppi di BorghiRampoldi, Cavaglieri ed il triplo di Di Matteo) che hanno messo alle corde la difesa veneta, spesso troppo imprecisa. E’ stata senza dubbio Veronica Maria Borghi la condottiera offensiva di Bollate, capace di chiudere con 2 su 3 in battuta, RBI, tre punti segnati e tre basi rubate. Dietro di lei le sue compagne l’hanno egregiamente imitata, andando in segno almeno una volta in tutti e quattro gli attacchi giocati. Di contro l’unico punto di Bussolengo è nato nella quinta ripresa, segnato da Perrone su una palla non trattenuta dal catcher, arrivato però troppo tardi per permettere alle neroverdi di pensare ad una rimonta.

Categoria U13

Nella prima delle due semifinali giocate sul campo di Bollate 2 le padrone di casa dell’MKF Bollate si sono imposte per 9-0 in tre riprese contro Collecchio, strappando il pass per la finale con un’assoluta prova di forza da parte di tutti i reparti della squadra: l’attacco ha segnato otto punti nei primi due inning con otto dei nove componenti della squadra capaci di salire in base almeno una volta nel corso della sfida. In pedana la coppia Di LauroDusi ha tenuto a freno l’attacco emiliano, limitandolo a due sole valide e realizzando un totale di 7 strikeouts. C’è stato poco da fare per Silvia Aroldi, partente di Collecchio, che non è riuscita a rallentare la formidabile catena offensiva del lineup lombardo, sospinto dalle corse a casa di ben sei differenti giocatrici.

Foto Dree/FIBS