Baseball in lutto per la morte di Alfredo Moia

Pubblicato il Nov 26 2018 - 1:17pm by Angelo Introppi
Una notizia che ha dell’incredibile. Ci ha lasciati Alfredo Moia del Senago a soli 52 anni. Sabato 24 novembre, era in campo ad allenare i suoi giovani ragazzi del Senago, ieri se n’è andato all’improvviso per un aneurisma cerebrale. Alfio, per tutti noi del baseball, una vita sul diamante finita così all’improvviso. Senago è sotto shock, come del resto tutto il baseball lombardo. Moia era famoso per la sua grande disponibilità, sempre pronto a rimboccarsi le maniche sul campo e fuori, braccio destro di Stefano Basilico, attuale presidente del Senago. Moia è cresciuto sul diamante del Parco delle Groane, sempre seguito da papà Gianni, che ora lo piange infinitamente. Moia è cresciuto nelle giovanili del Senago ed arrivò presto in prima squadra nell’era di Chiesa, Basilico, Toffano. Grande ricevitore dal fisico possente, si è trasformato in lanciatore negli ultimi anni della sua carriera. Con il Senago è arrivato in A2, mentre nella Mediolanum ha toccato la A1 facendo da secondo a gente come Fraschetti e Roberto Bianchi. Nel Milano vinse la Supercoppa Europea e la Coppa delle Coppe de 1992, poi per problemi lavorativi torna nella sua amata Senago e quando smette di giocare ne diventa il manager. Andare ora sul diamante di Senago non sarà più la stessa cosa. La DR Lombardia, con il suo presidente Jean Zucca si unisce al cordoglio della famiglia e del Senago
WordPress Author Box
Angelo Introppi

Giornalista pubblicista, collabora con il quotidiano Il Cittadino di Lodi seguendo da vicino le vicende delle squadre di baseball della provincia di Lodi. In ambito Fibs è classificatore ruolo speciale transitorio.