AIBXC2018, TRA RISULTATI REGOLARI ECCO IL SEMICOLPACCIO DEI THURPOS

Pubblicato il Giu 24 2018 - 7:39pm by Matteo Comi

Il XXII Campionato di Baseball per ciechi appassiona sempre più di
giornata in giornata e ci sa riservare sempre qualche colpo a
sorpresa. Una Domenica intensa quella del 27 Maggio caratterizzata da
ben quattro incontri disputati sull’asse Bologna Roma.
Le prime squadre a scendere in diamante erano i Thurpos Cagliari e la
Roma AllBlinds a partire dalle 10:00 in quel dell’Acquacetosa a Roma.
Gli isolani erano al completo, mentre spiccava tra i capitolini
l’assenza di Federico Bassani. Avvio senza alcun timore reverenziale
per i Thurpos i quali calavano un tris nell’alta del primo inning ma
dovevano fare i conti con una partenza esplosiva di Capitan Somma e
compagni che mettevano a referto due punti nella bassa della prima e
un poker nella bassa della seconda ripresa, effettuando aggancio e
doppiaggio degli avversari. I giocatori di Manager Ciccone, tuttavia,
non si scomponevano ma segnavano un punto nel terzo e quarto inning,
senza concedere nulla agli avversari. Botta e risposta nella quinta
ripresa che manteneva le distanze inalterate. Lo stesso copione si
ripeteva nel sesto inning, mantenendo la Roma AllBlinds avanti 8 a 7
ma i Thurpos non si arrendevano e caparbiamente riuscivano ad
agganciare gli avversari nell’alta della nona ripresa fissando sul 8 a
8 il risultato.
Per i Thurpos ottima prestazione per Pisu (5 su 9 e un punto battuto a
Casa) sempre più a suo agio nel ruolo di lead-off, Spiga (5 su 89 e un
punto battuto a Casa) con 3 assistenze e Tocco (9 su 4 e 3 punti
battuti a Casa) con 2 assistenze prezioso nel suo ruolo di battitore
designato.
Per la Roma AllBlinds prova tranquilla senza troppe preoccupazioni per
l’assenza illustre con in evidenza Napoli (3 su 9 e 3 punti battuti a
Casa) con 7 assistenze, Capitan Somma (4 su 10 e un punto battuto a
Casa) con 4 assistenze e Pierri (5 su 9 e 2 punti battuti a Casa) con
3 assistenze.
La partita è stata diretta dagli arbitri: D’Urso, Ricci, Luciani e
Pasquali con Maestri come classificatore affianciato da Antonio
Galbulli Cavazzini in fase di apprendimento.
Alle 11: 00, invece, in quel di Casteldebole Gli Staranzano B. X. C.
tornavano in diamante dopo la stupenda vittoria contro i Tigers
Cagliari della settimana prima contro i Bologna White Sox CVinta. I
giuliani erano al completo, mentre, come tradizione per questa
stagione i felsinei dovevano fare a meno di pedine importanti quali
Yemane, Iorio e Veronese.
I giocatori di Manager Carraro sembravano riprendere da dove si erano
fermati mettendo a referto un punto nell’alta del primo e due punti
nell’alta del secondo inning ma la risposta dei giocatori di Manager
Matteucci era perentoria con un poker calato nella bassa della prima
ripresa che ribaltava il tutto. I giocatori di Manager matteucci
allungavano nella bassa del quarto inning con un tris di punti e altri
due segnati nella bassa del quinto. Gli Staranzano B. X. C. tentavano
di impensierire i Bologna White Sox CVinta con un tris nell’alta della
sesta ripresa ma la risposta degli avversari era di nuovo veemente con
un Big-Inning da cinque punti nella bassa della medesima ripresa. Un
altro sussulto dei giuliani nell’alta del settimo inning ma con un
tris nella bassa della settima i felsinei chiudevano i conti fissando
il risultato a loro favore per 17 a 7 al termine della settima ripresa
per manifesta superiorità.
Tra le fila degli staranzano B. X. C. prestazione da leader per
Moreschi (5 su 7) con 2 assistenze ben coadiuvato da un superlativo
Nicolic (2 su 7, 1 HR e 4 punti battuti a Casa) al suo primo HR in
carriera e Mastrangelo (2 su 2) con 3 assistenze di nuovo consistente
al piatto.
Tra le fila dei Bologna White Sox CVinta solita prova da trascinatori
da parte dei martelloni del box di battuta Sahli (8 su 9, 1 HR e 4
punti battuti a Casa) con 5 assistenze e Berganti (6 su 8, 1 HR e 5
punti battuti a Casa) con 8 assistenze ben coadiuvati da un sempre più
importante Mbengue (7 su 9, 1 HR e 3 punti battuti a Casa) con
un’assistenza anch’egli al suo primo HR in carriera.
Il pomeriggio si apriva con il confronto alle 14:00 tra La Fiorentina
B. X. C. e i Tigers Cagliari. I gigliati erano decisi a proseguire la
loro risalita della classifica, mentre gli isolani volevano riscattare
la sconfitta contro gli Staranzano B. X. C. della scorsa settimana.
Dopo un primo inning senza punti i giocatori di Manager Burci si
scatenavano nel box con un Big-inning da cinque punti nell’alta della
seconda ripresa. Nel terzo e quarto inning i gigliati mettevano a
segno 6 punti suddivisi in uno e un Big-inning che indirizzava il
game, concedendo solo un tris agli avversari nella bassa della terza
ripresa. L’incontro era poi chiuso da Capitan Musarella e compagni che
in modalità rullocompressore inanellavano altri tre Big-inning da
cinque punti nei tre successivi inning facendo terminare la partita
per 21 a 3 al termine della sesta ripresa per manifesta superiorità
abbinata ad impossibilità di rimonta.
Reginetta assoluta Cascio (6 su 9 e 5 punti battuti a Casa) con 5
assistenze con Capitan Musarella (3 su 9 e 3 punti battuti a Casa) con
2 assistenze e Friday (5 su 8 e 4 punti battuti a Casa) a fare da
paggetti.
Prova opaca per gli isolani con i soli Bonomo (0 su 6 e un punto
battuto a Casa) con 7 assistenze, Capitan Zucca (2 su 5 e un punto
battuto a Casa) e Pretta (2 su 4) con 2 assistenze a cercare di
squotere la squadra.
Alle 14:20, invece, a Casteldebole i Campioni d’Italia in carica dei
Patrini Malnate affrontavano la matricola Umbria Redskins. I varesini
si presentavano al completo, mentre gli umbri dovevano fare a meno
delle battute e del carisma di Pierini. Dopo un primo inning di studio
i giocatori di Manager Chiesa realizzavano due punti nell’alta della
seconda ripresa. I varesini indirizzavano, quindi, il game con un
Big-inning da cinque punti nell’alta del terzo inning e un altro punto
nell’alta del quarto, concedendo un solo punto agli avversari nella
bassa della quarta ripresa. un punto dopo l’altro nel quinto e sesto
inning Capitan Virgili e compagni incrementavano il loro vantaggio
fino ai due punti che fissavano il risultato per 12 a 1 per i Patrini
al termine della settima ripresa, consegnando loro la vittoria per
manifesta superiorità.
Per i Patrini 22 le valide con in evidenza, come al solito Casale (7
su 8 e un punto battuto a Casa) con ben 13 assistenze che era
spalleggiato da uno splendido Rosafio (5 su 8 e 5 punti battuti a
Casa) nel ruolo di battitore designato e un efficace Bossetti (4 su 8
e 3 punti battuti a Casa).
Solo 3 le valide per i Redskins con da menzionare Oliveri (1 su 5 e un
punto battuto a Casa) con due assistenze.
I Patrini si qualificano già per la post-season, mentre la Roma
AllBlinds frena accendendo la bagar per stabilire le altre squadre che
faranno compagnia ai Campioni d’Italia.

LAMPI E ROMA ALLBLINDS SI STUDIANO A DISTANZA

Milano

La Primavera si fa sempre più inoltrata e ci si dirige spediti verso
l’Estate. Allo stesso modo il XXII Campionato di Baseball per ciechi
procede spedito verso il suo periodo più caldo. Nello scorso fine
settimana ci sono state altre interessanti partite tra incroci
insidiosi, confronti tra le novità di quest’anno e partite d’orgoglio
in fondo alla classifica.
Gli incontri erano, come spesso accade in questo 2018 suddivisi sui due giorni.
Le emozioni partivano Sabato pomeriggio sull’erba e terra rossa di un
caldo Kennedy in quel di Milano, dove scendevano di nuovo in diamante
dopo un mese di pausa i Lampi Milano opposti ai Tigers Cagliari. A
causa di problematiche logistiche i meneghini dovevano fare a meno in
partenza dell’apporto di Dieng, mentre i Cagliaritani si presentavano
al gran completo.
I Lampi difendevano bene sin dall’inizio ma stentando a decollare in
attacco con un solo punto segnato nella parte bassa del primo e del
secondo inning d’attacco. Il periodo di riscaldamento sembrava
terminare nella bassa della quarta ripresa, quando i giocatori di
Manager Molon si sbloccavano iniziando a macinare valide e punti con
un poker a referto e un altro tris nella bassa della successiva quarta
ripresa. I Tigers cercavano di reagire ma la difesa degli avversari e
qualche errore di troppo in fase offensiva nelle fasi cruciali non gli
permettevano di rispondere ai milanesi che spingevano, ulteriormente
sull’acceleratore grazie anche a Dieng che subentrava a Capitan Scarso
mettendo a referto un Big-inning da cinque punti nella bassa della
quinta e altri due punti nella bassa della sesta, così da ottenere una
vittoria per 16 a 0 al termine della settima ripresa per manifesta
superiorità.
Per i Tigers 5 valide con in evidenza, nonostante la prestazione non
molto positiva Capitan Zucca (2 su 6) con un’assistenza e il sempre
più fondamentale Bonomo (1 su 5) con 13 assistenze.
Per i Lampi 20 valide con i migliori Allegretta (4 su 8 e 3 punti
battuti a Casa) con 7 assistenze fondamentale in entrambe le fasi di
gioco ben supportato da Vasquez (5 su 7 e 3 punti battuti a Casa) con
3 assistenze e Capitan Scarso (3 su 5 e 4 punti battuti a Casa) con
un’assistenza.
Partita ben diretta dagli arbitri: Casiraghi, Quisini, Frigeri,
foltran e Turgot in affiancamento con con Marangoni nel ruolo di
classificatrice.
Nel pomeriggio in quel di Perugia si affrontavano presso il diamante
Comunale le due novità di questo Campionato, ovvero i Thurpos Cagliari
e gli Umbria Redskins. I Thurpos partivano decisi con un Big-inning da
cinque punti nell’alta del primo inning e un altro punto a referto
nella successiva seconda ripresa. I giocatori di Manager Mastrantonio,
tuttavia, rispondevano “Presente!” con due punti nella bassa del primo
inning e un Big-inning da cinque punti nella bassa della seconda
ripresa che gli consentiva il sorpasso nei confronti degli avversari.
Altro strappo al game dei sardi che calavano un tris nell’alta del
terzo inning e un altro big-inning da cinque punti nell’alta del
quarto ma questa volta concedevano agli umbri solo un punto nella
bassa della terza ripresa. Il vantaggio dei giocatori di Manager
Ciccone diventava cospiquo con un punto siglato nell’alta del quinto e
l’ennesimo Big-inning da cinque punti nell’alta del sesto inning
concedendo a Capitan Reggi e compagni solo un punto nella bassa di
quinta e sesta ripresa. Nella bassa del settimo inning i Redskins
sembravano poter riaprire il discorso con un Big-inning da cinque
punti ma i Thurpos completavano la loro sinfonia con un tris nell’alta
dell’ottavo e poi con un’attenta difesa fissavano il punteggio sul 23
a 15 a loro favore ottenendo, dunque, la vittoria al termine
dell’ottava ripresa per impossibilità di rimonta.
I sardi realizzavano ben 33 valide con in evidenza Spiga (8 su 11 e 4
punti battuti a Casa) con 6 assistenze, Serra (8 su 11 e 5 punti
battuti a Casa) con 7 assistenze e Tocco ( 7 su 11 e 6 punti battuti a
Casa).
Gli umbri facevano registrare 21 valide con da sottolineare le prove
di Oliveri (5 su 9 e 3 punti battuti a Casa) con 3 assistenze, Quinci
(5 su 9 e 3 punti battuti a Casa) con un’assistenza e Vintila (4 su 8
e 4 punti battuti a Casa) nel ruolo di battitore designato.
Incontro diretto dagli arbitri: Ricci, Italiano, Terracciano e
ragazzoni con Gasparini nel ruolo di classificatore.
Il programma della Domenica si apriva di nuovo al Kennedy dove
tornavano in diamante i Tigers Cagliari opposti ai Thunder’s Five
Milano. I giocatori di Manager Gallus volevano riscattare la
prestazione disastrosa del giorno precedente, mentre quelli di Manager
Scaletti, pur senza una pedina fondamentale nel loro mosaico tattico,
come Fabio Scali, cercavano la vittoria che gli permettesse di
scavalcare proprio i diretti avversari in classifica.
Avvio di partita molto tirato con difese attente e battitori poco
pungenti anche se nell’alta del secondo inning i Tigers riuscivano a
sbloccare il punteggio. fiammata decisa degli isolani nell’alta della
terza ripresa con un Big-inning da cinque punti che gli faceva
decollare, lasciando frastornati i meneghinni. Il game, tuttavia, dopo
un altro punto di Capitan Zucca e compagni nell’alta del sesto inning,
registrava una reazione da parte dei Thunder’s che calavano un tris
nella bassa della quinta ripresa. I Tigers erano bravi a sfruttare un
errore difensivo dei milanesi in situazione di due out, mettendo a
referto un tris nell’alta del settimo inning, concedendo solo un punto
agli avversari nella bassa dell’ottava ripresa. Il nono inning si
apriva con un nulla di fatto da parte dei giocatori di Manager Gallus
nella parte alta, così che Capitan Dragotto e compagni ci provavano
fino alla fine ma segnavano solo due punti nella bassa della nona
ripresa consegnando la vittoria alla squadra di cagliari che si
imponeva con un 10 a 6, come risultato finale.
Tra le fila dei Tigers menzione d’onore per Pretta (5 su 8 e 2 punti
battuti a Casa), Bonomo (3 su 9 e un punto battuto a Casa) con 8
assistenze e Scanu (1 su 2) con 5 assistenze bravo prima nel ruolo di
difensore obbligato e poi al piatto di battuta.
Tra le fila dei Thunder’s prova positiva per Cusati (4 su 8 e un punto
battuto a Casa) con 9 assistenze. Segnali positivi da Bassi (0 su 5 e
un punto battuto a Casa) e Girelli (0 su 3 e un punto battuto a Casa).
Esordio di Brunoni autore anche di un’assistenza.
Il game è stato diretto dagli arbitri: Casiraghi, Quisini, Frigeri,
Turgot e Nuncibella in affiancamento con Burlini nel ruolo di
classificatore.
Alle 10:30, invece, in quel di Perugia la Fiorentina B. X. C. si
confrontava con i Thurpos Cagliari. Partenza tranquilla dei gigliati
con un punto nell’alta di primo e secondo inning, mentre gli isolani
rispondevano con un tris nella bassa della seconda ripresa. Sorpasso
della Fiorentina B. X. C. nell’alta del quarto inning con risposta
parziale degli avversari che si riavvicinavano con un punto nella
bassa della medesima ripresa, raggiungendo il pareggio nella bassa
della successiva. I giocatori di Manager Burci sembravano poter
svoltare il game a loro favore conun Big-inning da cinque punti
nell’alta della settima ripresa, concedendo solo un punto agli
avversari nella bassa della medesima ripresa ma i Thurpos non si
arrendevano calando un tris nella bassa dell’ottavo inning, così da
rendere ancora più vibrante l’incontro. Le due squadre segnavano un
punto a testa nella nona ripresa, così che Capitan Musarella
riuscivano a mantere inalterato il loro vantaggio aggiudicandosi la
vittoria con 11 a 10 per la Fiorentina B. X. C. come risultato finale.
I migliori per i gigliati sono stati Capitan Musarella (8 su 9 e 3
punti battuti a Casa) con 3 assistenze, Lazzarini (7 su 9 e 5 punti
battuti a Casa) con 9 assistenze e Comuniello (3 su 9 e un punto
battuto a Casa) con 8 assistenze.
I migliori, invece, per i Thurpos Cagliari sono stati Pisu (1 su 9 e 5
punti battuti a Casa) con 3 assistenze, Spiga (3 su 9 e un punto
battuto a Casa) con 4 assistenze e Tocco (5 su 9, 1 HR e 3 punti
battuti a Casa) nel ruolo di battitore designato.
La partita è stata direta dagli arbitri: Ricci, Italiano, Terracciano
e Negro con Gasparini nel ruolo di classificatore. A causa di mal
funzionamento della prima base sonora la prima base era sostituita da
un arbitro dotato di fischietto con conseguenti difficoltà per i
giocatori.
In contemporanea a quanto accadeva a Perugia, a Casteldebole andava in
scena il confronto tra Roma AllBlinds e Bologna White Sox CVinta. I
capitolini registravano l’assenza di Manager Corazza sostituito da
Antonio Bassani, mentre solite defezioni illustri tra i felsinei con
Manager Matteucci che non poteva disporre di Sahli e Veronese.
I Vicecampioni d’Italia si portavano, infatti, subito avanti con un
poker nell’alta del primo inning, un tris nell’alta del terzo e un
altro punto nell’alta del quarto, concedendo solo un punto agli
avversari nella bassa della quarta ripresa. Un accenno di riscossa per
i felsinei con due punti nella bassa di quinto inning subito
rintuzzato con lo stesso numero di segnature nell’alta di sesta
ripresa da parte di Capitan Somma e compagni. La Roma AllBlinds
chiudeva i conti con un Big-inning da cinque punti nell’alta del
settimo e soli due punti concessi nella bassa, così da aggiudicarsi
l’incontro per 15 a 5 per manifesta superiorità.
Una Roma Allblinds sempre più in forma e solida con il solito Bassani
(7 su 9, 2 HR e 6 punti battuti a Casa) con 9 assistenze fulcro delle
dinamiche di squadra. Il funambolo capitolino era questa volta
supportato da una prestazione consistente di tutto il line-up che
batteva almeno due valide a testa ma in particolare di Capitan Somma
(7 su 9 e 2 punti battuti a Casa) e Pierri (5 su 8 e 2 punti battuti a
Casa) con un’assistenza.
Bologna White Sox CVinta sempre alle prese con una difesa non
all’altezza del poderoso attacco capace sempre di sfornare battute
robuste e HR spesso fini a se stessi. Buone, comunque, le prove di
Yemane (3 su 5, 2 HR e 3 punti battuti a Casa) con 2 assistenze,
D’Angelillo (1 su 5, 1 HR e 2 punti battuti a Casa) e Berganti (0 su
6) con 7 assistenze.
L’incontro è stato diretto dagli arbitri: Pasquali, Luciani, Bernocchi
e D’Urso con Maestri nel ruolo di classificatore.
I Lampi e la Roma AllBlinds si preparano, dunque, con una vittoria a
testa alla partita che li metterà di fronte nel prossimo turno. La
Fiorentina B. X. C. guadagna ancora terreno sui Bologna White Sox
CVinta, mentre i Thunder’s devono inchinarsi alla voglia di
riscattarsi dei Tigers Cagliari.
Altri verdetti e indicazioni saranno già disponibili nel prossimo
turno che come sempre sarà da seguire in ogni particolare.