AIBXC2018, l’Est sorprende l’Ovest! Ghulam re del fuoricampo

Pubblicato il Set 7 2018 - 8:55pm by Matteo Comi

Il torrido fine settimana del 14 e 15 Luglio nel quale è stato
assegnato il XXII Campionato di Baseball per ciechi è già un ricordo.
I sorrisi e la gioia dei Patrini Malnate per il loro terzo tricolore
fanno ormai parte della storia di questo sport che, dopo le meritate
vacanze, è tornato prepotentemente d’attualità col suo carico di
adrenalina e agonismo allo stato puro.
Ad aprire la seconda parte di stagione sono stati, come al solito, due
eventi di assoluta qualità, ovvero l’HR Derby e l’All-Star-Game. La
location designata per questi imperdibili appuntamenti è stata
Staranzano, una di quelle isole felici, dove il Baseball e il Softball
permeano l’aria di questi paesi all’estremo Est della penisola
italica.
Il 2 Settembre, dunque, alle 14:30 il diamante Comunale di Staranzano
era calcato dai 6 partecipanti all’HR Derby. Alla contesa erano
ammessi coloro che avevano battuto più di 5 HR in stagione ed
eventuali altri giocatori invitati dal Commissario alle Attività
Agonistiche. I partecipanti erano: Ghulam (Leonessa B. x. c.), Yemane
(Bologna White Sox CVinta), Bassani (Roma AllBlinds), Toigo (Leonessa
B. X. C.), Nicolic (Staranzano B. X. C.) e Nesossi (Thunder’s Five
Milano). I battitori si presentavano nel box di battuta in ordine
crescente di HR battuti, seguendo l’ordine alfabetico in caso di
parità. La competizione si articolava in due prove. Nella prima i
battitori avevano a disposizione 8 tentativi con palla a 6 fori e
deroga della regola del Fly-out. Ogni HR valeva due punti. Nella
seconda prova, invece, i tentativi a disposizione erano sempre 8 con
palla a 6 fori ma con la presenza della regola del fly-out. Ogni HR
realizzato aveva il valore di tre punti. Al termine delle due prove in
caso di parità si procedeva con una battuta a testa ad oltranza. Il
vincitore era colui che realizzava più punti. La gara appariva come
una questione tra Nesossi detentore del titolo e Ghulam pretendente
sempre molto accreditato. A spuntarla era Ghulam con 9 HR complessivi
che gli facevano totalizzare ben 22 punti, rispetto ai 5 HR di Nesossi
che lo facevano fermare a 13, mentre Toigo completava il podio con 1
HR da 3 punti. Il titolo di Homerun King tornava, quindi, nelle mani
di Ghulam.
Una volta archiviato l’HR numero 11 ecco pronti i giocatori a
confrontarsi nella tradizionale parata di stelle dell’All-Star-Game
arrivato all’edizione numero 13 quest’anno. La selezione del girone
Ovest era guidata da Manager Chiesa ed era composta da: Allegretta
(Lampi Milano), Ghulam (Leonessa B. X. C.), Casale (I Patrini
Malnate), Menoni (Leonessa B. X. C.), Toigo (Leonessa B. X. C.,
Nesossi (Thunder’s Five Milano)), Comi (Lampi Milano), Asghar
(Leonessa B. X. C.), Virgili (I Patrini Malnate) e Bernunzio (I
Patrini Malnate). Lo staff degli assistenti annoverava: Sandonini
(Leonessa B. X. C.), Muhammad (Leonessa B. X. C.), Bonati (I Patrini
Malnate), Giovinetti (Thunder’s Five Milano), Napolitano (Lampi
Milano), Colombo (I Patrini Malnate) e Cardia (I Patrini Malnate). La
selezione del girone Est guidata da Manager Burci (Fiorentina B. X.
C.) si affidava, invece, alle prestazioni di: Lazzarini (Fiorentina B.
X. C.), Yemane (Bologna White Sox CVinta), Bassani (Roma AllBlinds),
Nicolic (Staranzano B. X. C.), Oliveri (Umbria Redskins), Musarella
(Fiorentina B. X. C.), Pierini (Umbria Redskins), Cascio (Fiorentina
B. X. C.), Napoli (Roma AllBlinds) e Berganti (Bologna White Sox
CVinta). A disposizione come staf trovavamo: Azzaro (Roma AllBlinds),
Lanzarini (Bologna White Sox CVinta), Carraro (Staranzano B. X. C.),
Luca Buttignon (Staranzano B. X. C.), Franco Buttignon (Staranzano B.
X. C.) e Costa (Bologna White Sox CVinta). L’incontro si svolgeva
sulla distanza dei 9 inning senza regola di manifesta superiorità o
impossibilità di rimonta. in caso di parità si procedeva con un Ty
Break al termine del quale con situazione invariata il pareggio era
accettato.
La partita aveva inizio con la consegna della prima pallina da parte
dell’ultraciclista Gianpiero Klancic al lead off del girone Est ed era
vivace si da subito con Lazzarini che era molto bravo a sfruttare il
periodo di assestamento della difesa dell’Ovest portando in vantaggio
la selezione Est battuto a Casa da Bassani. I giocatori dell’Ovest
avevano la possibilità di riprendere gli avversari ma Toigo con un out
a Casa faceva sfumare l’aggancio. Il game procedeva ricco di suspance
ma con sempre le difese protagoniste e brave a fermare le bordate dei
numerosi forti battitori di entrambe le compagini. l’Ovest le provava
tutte per rincorrere gli avversari arrivando a sfiorare il pareggio
anche con basi piene e Comi eliminato in seconda base da Napoli a
pochi cm dalla base. L’Est falliva nell’alta dell’ottavo inning
ripresa il raddoppio con Lazzarini che andava anch’egli out a Casa nel
tentativo di rubata su lancio sbagliato della difesa. Nella bassa
della nona ripresa Manager Chiesa tentava il tutto per tutto mandando
a battere il Difensore Obbligato Allegretta il quale mandava la palla
sulla terza base ed era eliminato da un pimpante Berganti, mentre
Oliveri chiudeva l’incontro con unout su Ghulam che consegnava il game
per 1 a 0 alla selezione Est intotale trionfo. Il numeroso pubblico
accorso applaudiva i giocatori complimentandosi in particolare con
quelli del girone Est che con la loro grinta e voglia di vincere
riuscivano ad avere la meglio su di un Girone Ovest accreditato di una
migliore fase offensiva e difensiva.
Partita ben diretta dagli arbitri: Casiraghi, Foltran, Zancani,
Bertacche e Gobbo con Meli e Cossar nel ruolo di classificatori.
Tra i giocatori della selezione Est prestazioni formidabili per
Lazzarini (4 su 7) con un’assistenza, ottimo nello scivolare in
seconda base e Bassani (1 su 7 e un punto battuto a Casa) con 12
assistenze.
Tra i giocatori della selezione dell’Ovest, invece, in evidenza Casale
(3 su 7) con 14 assistenze sempre pigliatutto in difesa ma anche
spettacolare negli arrivi in seconda base, Ghulam (2 su 7) con
un’assistenza le cui battute potenti destinate a diventare HR erano
bloccate dagli avversari proprio sul più bello e Nesossi (2 su 6) con
3 assistenze sempre silenziosamente regolare.
Al termine della partita si svolgeva una ricca premiazione in presenza
del sindaco di Staranzano Riccardo Marchesan e di alcuni consiglieri
della F. I. B. S. con il Presidente Marcon in testa. Lazzarini era
premiato come miglior battitore del torneo, mentre Bassani, come
miglior difensore. Al funambolico giocatore romano era donata,
inoltre, una targa da parte dell’A. I. B. X. C. per i suoi ottimi
risultati ottenuti nei recenti Europei Paralimpici a Dublino.
Settembre proseguirà, quindi, con i gironi di Coppa Italia con tutte
le 11 squadre impegnate Sabato 15 tra Milano, Cagliari, Aviano e
Firenze. Tante le pretendenti ma solo quattro passeranno alla fase
successiva.