AIBXC2017, i Patrini schiaffeggiano i Lampi!

Pubblicato il apr 19 2017 - 9:11am by Matteo Comi

A causa di qualche inconveniente ci troviamo costretti ad informarvi
con ritardo su quanto accaduto nel XXI campionato di baseball ciechi
nel primo fine settimana di Aprile in attesa di pubblicare quanto
accaduto nella giornata del 8 e 9 Aprile.
Entrambi i gironi, dunque, in diamante tra Sabato 1 e Domenica 2
Aprile sulla rotta Malnate, Cagliari e Sasso Marconi.
Ad aprire la serie di partite erano I Patrini Malnate e i Lampi Milano
impegnati in uno scontro al vertice nel Girone Ovest proprio sul campo
dei Campioni d’Italia in carica. Un cielo coperto e un clima fresco
accoglievano i giocatori di entrambe le squadre ma la posta in palio
faceva passare in secondo piano la temperatura e la meterologia.
L’incontro sembrava partire sul filo dell’equilibrio ma Capitan
Virgili e compagni lo rompevano già nell’alta del secondo inning con
un Big-Inning da cinque punti favorito da un paio di errori difensivi
dei meneghini che indirizzava il game caratterizzato da un duello tra
l’attacco improduttivo dei Lampi e Gaetano Casale il quale era capace
di chiudere ogni varco agli avversari. I giocatori di Manager Molon,
tuttavia, si riprendevano dalle sbandate difensive concedendo solo
altri due punti strada facendo per un 7 a 0 Patrini come risultato
finale.
Per i varesini la scena era tutta per i due Gaetani con Casale (3 su
6) capace di realizzare ben 17 assistenze e Marchetto (4 su 6 e 2
punti battuti a Casa).
Per i milanesi fase offensiva pressocchè assente ad eccezzione di
Dieng (2 su 4) autore delle uniche due valide della sua squadra. In
fase difensiva 8 assistenze per Vasquez e 5 per Dieng con tuttavia 4
errori perfetta fotografia dell’incontro. Esordio assoluto in
campionato per Marco Casadei con i suoi primi due turni al piatto.
Nella successiva partita i Lampi provavano a reagire andando in
vantaggio nell’alta del secondo inning con Vasquez supersonico a
correre a Casa Base sospinto da Briglia e Capitan Scarso. I giocatori
di Manager Chiesa, tuttavia, dopo un passaggio a vuoto nella bassa
della prima ripresa, pervenivano, subito, al pareggio nella bassa di
quella successiva. Il game era più equilibrato del precedente ma
Capitan Virgili e compagni erano in grado di realizzare un punto per
inning nella passa di terzo e quarto che li metteva in sicurezza. Con
Comi in seconda base Dieng aveva la possibilità di realizzare quell’HR
che poteva rendere ancora più interessante la parte finale della
partita ma non riusciva nell’impresa, così che i Patrini mettevano a
referto il punto della definitiva sicurezza nella bassa della sesta
ripresa, chiudendo poi ogni varco di nuovo con Casale per un 4 a 1 per
i  padroni di Casa che era il risultato finale.
Tra le fila dei Lampi buone prestazioni per Vasquez (1 su 3) con 5
assistenze e Allegretta autore di 4 assistenze.
Tra le fila dei Patrini di nuovo protagonisti i Gaetani con Casale (4
su 6 e 2 punti battuti a Casa) formidabile sempre in difesa con 15
assistenze e Marchetto (2 su 5) ben supportati da Case (3 su 6).
La squadra di Manager Chiesa consolidava, dunque, il primo posto in
classifica mandando un messaggio chiaro alle avversarie.
Le partite sono state ben dirette dagli arbitri: Quisini, Turgot,
Fradetti, Giordano e Frigeri con Mariani nel ruolo di classificatore.
Nel pomeriggio di Sabato, invece, i Tigers Cagliari inauguravano il
loro nuovo diamante ospitando i Bologna White Sox CVinta per un doppio
incontro tra squadre in cerca di rilancio dopo le “sberle” ricevute
nel turno precedente. La nuova pallina Brett e il nuovo impianto degli
isolani dotato di erba sintetica si rivelavano perfetti strumenti per
fuoricampisti sia abituali sia neofiti di questa prodezza. La prima
partita rappresentava, infatti, un festival dell’HR con le due squadre
ad inseguirsi a suon di raffiche di punti ma i felsinei riscivano a
spuntarla inanellando tre inning consecutivi dove mettevano a referto
tre poker di punti che gli consegnavano la vittoria per 27 a 19 al
termine dell’alta della settima ripresa per impossibilità di rimonta.
Per i felsinei 25 valide con tutti i giocatori capaci di realizzarne
almeno 4 e 13 HR con in evidenza un imprendibile Pierini (10 su 10),
un Yemane 8 su 10, 5 HR e 13 punti battuti a Casa) inversione fabbrica
di HR, un Berganti (8 su 10, 4 HR e 9 punti battuti a Casa) il solo
capace di realizzare 4 assistenze e un sorprendente D’Angelillo (6 su
10, 4 HR e 4 punti battuti a Casa).
Per i cagliaritani 8 valide, almeno 2 per giocatore e 12 HR con buone
prove di Zucca (5 su 7, 3 HR e 3 punti battuti a Casa), Scalas (5 su
6, 4 HR e 5 punti battuti a Casa), Lai (4 su 6, 4 HR e 8 punti battuti
a Casa) e l’esordiente Cocco (2 su 6, 1 HR e un punto battuto a Casa).
Andamento simile nella successiva partita anche se non allo stesso
livello di punteggio forse per la stanchezza dei giocatori. I Tigers
provavano a ripartire con piglio più deciso ma i Bologna White Sox
CVinta con un poker di punti nella bassa del primo inning e un
Big-Inning da cinque punti nella bassa di quello successivo
indirizzavano subito il game, chiudendolo poi al termine della quinta
ripresa per manifesta superiorità con 17 a 8 come risultato finale.
Tra le fila isolane di nuovo da sottolineare le prestazioni di Zucca
(5 su 6, 1 HR e 2 punti battuti a Casa), Scalas (3 su 6, 1 HR e 2
punti battuti a Casa) e Lai (3 su 5, 1 HR e 2 punti battuti a Casa).
Tra le fila dei White Sox CVinta altre belle prove per Pierini (4 su
5) quasi imprendibile anche in questo incontro, Yemane (4 su 5, 4 HR e
10 punti battuti a Casa) martellante dal piatto, Berganti (4 su 5, 3
HR e 3 punti battuti a Casa) autore di ben 7 assistenze e D’Angelillo
(4 su 5, 3 HR e 4 punti battuti a Casa) sempre più impressionante.
Nel complesso due partite dai punteggi più affini al rugby con
protagonisti assoluti Pierini autore di 14 valide totali e Yemane
capace di mettere a referto 9 HR e battere a Casa 23 punti per
rilanciare i Bologna White Sox CVinta verso le semi-finali.
Le partite sono state dirette dagli arbitri: Casiraghi, Foltran e
Italiano con Deplano nel ruolo di classificatrice.
Nel pomeriggio di Domenica 2 Aprile, invece, le emozioni correvano
sull’asse Sasso Marconi-Staranzano.
Sul veloce diamante Valmarana di Sasso Marconi andava in scena un
altro scontro al vertice, ovvero quello tra BlueFire C. U. S. Brescia
e Roma AllBlinds entrambe le compagini in vetta al Girone Est e in
cerca di un allungo decisivo verso le semi-finali. Prima partita molto
equilibrata e in sospeso fino alla fine con i capitolini che si
portavano in vantaggio nell’alta del quarto inning ma erano raggiunti
subito dai bresciani al termine di terza e quarta ripresa. La Roma
AllBlinds priva di pedine importanti, come Bassani e Capitan Somma ma
anche di Daniela Pierri uscita per infortunio all’inizio
dell’incontro, si riportavano in avanti nell’alta del quinto inning e
con una difesa efficace sembravano in grado di portare in porto il
game. Il colpo di scena era, tuttavia, dietro l’angolo e si
materializzava nella bassa della settima ripresa con Capitan Menoni e
compagni che ribaltavano la situazione con Pagano che batteva a Casa
il punto del 3 a 2 BlueFire mettendo la sua firma sulla vittoria.
Per la Roma AllBlinds belle prestazioni di Napoli (1 su 4 e un punto
battuto a Casa) autore di 7 assistenze, Mbengue (1 su 4 e un punto
battuto a Casa) e Abidi (1 su 5) con 3 assistenze realizzate.
Per i BlueFire C. U. S. Brescia ottime prove per il solito ma non così
catalizzante Ghulam (3 su 5, 1 HR e un punto battuto a Casa) ben
assistito da Asli (3 su 6 e un punto battuto a Casa), Capitan Menoni
(2 su 5) e Pagano (2 su 3 e un punto battuto a Casa).
Di nuovo difese protagoniste nella successiva partita che i BlueFire
riuscivano a sbloccare solo nell’alta del sesto inning calando un tris
che poi difendevano fino al termine della bassa della settima ripresa.
Tra le fila dei bresciani da sottolineare l’ottimo lavoro di squadra
dei primi quattro componenti del line-up che mettevano a segno almeno
2 valide ciascuno. La vittoria era costruita dal terzetto Asghar (3 su
6 e un punto battuto a Casa), Ghulam (2 su 6 e un punto battuto a
Casa) e Capitan Menoni (3 su 6 e un punto battuto a Casa) che con le
loro 3 valide consecutive fissavano il risultato. da segnalare anche
le 8 assistenze di Ghulam in fase difensiva.
Tra le fila capitoline poca incisività al piatto ma buona prova per
l’esordiente Vintila (2 su 5).
Entrambe le partite sono state avvincenti e hanno tenuto squadre e
spettatori col fiato sospeso. Da evidenziare la perfetta
organizzazione del Diamante Valmarana nella persona di Giovanni
Mordaci del BSC Sasso Marconi che ha accudito atleti e staff in ogni
loro esigenza.
Al Comunale di Staranzano, invece, si confrontavano la matricola Ducks
alla prima tra le mura amiche e i Thunder’s Five Milano decisi a
rilanciarsi dopo i due schiaffi nel Derby del 18 Marzo. I giocatori di
Manager Giovinetti mettevano subito in chiaro le loro intenzioni con
un Super-Big-Inning da sette punti nell’alta del primo inning e altri
due punti in quello successivo. I Ducks non si demolarizzavano ma
erano, invece, in grado di mettere a referto i loro primi due punti
nella bassa della seconda ripresa per poi cedere, tuttavia, al termine
della quinta con 13 a 3 come punteggio finale per manifesta
superiorità.
Per i Thunder’s Five capaci di 8 valide consecutive in apertura. Per i
componenti del line-up almeno 3 valide a referto con belle prestazioni
per Capitan Dragotto (3 su 6 e 2 punti battuti a Casa) nel ruolo di
battitore designato, Cusati (5 su 7 e 3 punti battuti a Casa) e
Nesossi (4 su 7, 1 HR e 5 punti battuti a Casa) autore di 6
assistenze. Da sottolineare un altro turno al piatto per l’esordiente
Girelli. In difesa buono anche l’impatto di Silvia Morosi con 3
assistenze nel ruolo di difensore obbligato.
Per i Ducks prime valide con prove positive per Mastrangelo (2 su 4 e
un punto battuto a Casa), Crescenzi (2 su 4) e Finocchiaro (2 su 4 e
un punto battuto a Casa).
Nella successiva partita i Ducks erano meno pimpanti in attacco, come
del resto i Thunder’s che non imponevano subito il loro ritmo
all’incontro ma realizzavano punti dalla bassa del secondo inning in
avanti fino a chiudere per 9 a 1 il game al termine della sesta
ripresa per manifesta superiorità.
Tra i giocatori di Manager Carraro si evidenziano le prestazioni di
Moreschi (1 su 4) e Mastrangelo autore di quattro assistenze.
Tra i giocatori di Manager Giovinetti prove da protagonisti di nuovo
per Cusati (4 su 7 e un punto battuto a Casa) e Nesossi (5 su 7, 1 HR
e 3 punti battuti a Casa) ma anche note positive da Mormino (3 su 7 e
2 punti battuti a Casa). Da evidenziare lo stato di forma di Tedoldi
(7 su 7 e un punto battuto a Casa).
I Thunder’s five Milano, quindi, si rilanciavano mettendo in evidenza
il loro punto di forza, la fase offensiva.
Gli incontri sono stati diretti dagli arbitri: Bertacche, Finocchiaro,
Bizzotto e Gobbo con Kelly, Sepulveda e Zancani in stage tecnico,
mentre Burlini e Marangoni hanno classificato alternandosi i games
disputati.
Prossimo turno ancora su due giorni e di sicuro interesse. Sabato 8
Aprile i BlueFire C. U. S. Brescia voleranno in Sardegna per il doppio
confronto con i Tigers Cagliari. Domenica, invece gli Staranzano Ducks
ospiteranno i Lampi Milano, mentre i Bologna White Sox CVinta
accoglieranno tra le loro mura amiche la Fiorentina B. X. C. per un
doppio game di importanza capitale per entrambe le compagini.