AIBX2014, in Coppa Italia bene le milanesi e Roma

Pubblicato il Set 12 2014 - 4:07pm by Matteo Comi

Settembre è arrivato e con esso ombrelloni, creme  abbronzanti e cocktail sorseggiati in spiaggia lasciano il posto ancora una volta a mazze, guantoni e palline sonore. Si cari lettori inizia la seconda parte della stagione 2014 di baseball per ciechi e si parte subito con la Coppa Italia con i suoi adrenalinici concentramenti.

Lo scorso 7 Settembre, infatti, i giocatori delle otto squadre A. I. B. X. C. sono confluiti, rispettivamente, a Milano presso il campo Kennedy per il quanto riguarda il girone ovest e a Porto Sant Elpidio presso il campo Renzi-Santarelli per ciò che concerne i teams del girone est. Da ricordare che la formula della Coppa Italia comprende due gironi da quattro squadre con concentramento di sei partite da cinque inning con ammissione del pareggio e manifesta con sei punti di scarto a partire dalla terza ripresa.

A dare il la alle “ostilità” sportive nel girone Ovest erano, dunque, Lampi Milano e Thunder’s Five Milano nel remake, come lo scorso anno, della finale squdetto. I neocampioni d’italia di Mr Giurleo si presentavano al gran completo ma complice anche un campo abbastanza lento e una difesa Thunder’s attenta non riuscivano a sbloccare il risultato nei loro primi due inning d’attacco. I giocatori di Mr Rossi, nonostante le assenze di due pedine fondamentali quali Scali e Capitan Cusati, invece, mettevano subito a referto due punti nella loro prima ripresa offensiva per poi rimanere a secco in quella successiva. Punteggio invariato nell’arco del terzo inning da entrambe le parti, mentre i Lampi sembravano riaprire i giochi con una segnatura nella parte alta della quarta ripresa. Nella bassa del quarto inning, tuttavia, Ashgaar batteva a Casa il punto del 3 a 1 che sembrava sinonimo di sicurezza per i Rosso-neri ma i Lampi non ci stavano e tentavano l’ultimo assalto nella parte alta della quinta ripresa ma un out a Casa di Capitan Scarso e una nuovamente attenta fase difensiva degli avversari mantenevano il risultato invariato consegnando il mini Derby ai Thunder’s Five Milano. Tra le fila dei Lampi da evidenziare, comunque, le buone prove di Levantini e del solito Dieng che si distribbuiscono le valide. Per i Thunder’s si segnalano un Ghulam a carburazione lenta, mentre molto regolare Ivan Nesossi. In fase difensiva prova maiuscola di Tedoldi autore di pregevoli e spettacolari assistenze.

I Thunder’s affrontavano, dunque, i Patrini con la possibilità di mandare immediatamente in archivio la pratica qualificazione ma al posto della solita corazzata titolare si schieravano con quattro giocatori diversi su cinque. I varesini, quindi, nonostante privi di Case in viaggio di nozze e El Khadrani in Marocco, davano del filo da torcere ai meneghini bloccandoli sullo 0 a 0 ricco di agonismo. Tra i Rosso-neri di Mr Rossi migliore prova in battuta per Ghulam e ottimi progressi per Omar Asli. Per i Patrini Malnate a recitare il ruolo di protagonisti erano, invece, Capitan Marchetto e un Moreschi molto efficace anche in fase difensiva.

Nel terzo game di giornata scendevano sul diamante anche i Tigers Cagliari i quali andavano subito ad affrontare i Patrini Malnate. Buon avvio degli isolani che si portavano avanti di una lunghezza dopo due inning d’attacco e riuscivano ad annullare ogni tentativo di risposta degli avversari. I giocatori di Mr Marzi e Trogu davano poi lo strattone decisivo con un Big-Inning da cinque punti nella parte alta della terza ripresa, senza lasciare di nuovo possibilità di replica ai varesini. Incontro chiuso, dunque, dai sardi nel quarto inning con un altro punto segnato e un’attenta difesa che confezionava il 7 a 0 finale che faceva scattare la manifesta superiorità. Tra i Tigers sugli scudi Pisu, Dagne e Antonello Lai. Per i varesini, invece, solo quattro valide distribbuite tra Capitan Marchetto, Moreschi e Bossetti.

Dopo due partite di riposo tornavano, quindi, in campo i Lampi Milano in uno scontro da dentro o fuori contro i Tigers Cagliari. I Bianco-blu di Mr Giurleo si producevano in una partenza decisa con un punto nel primo inning d’attacco e un Big-Inning da cinque punti nella successiva seconda ripresa. I cagliaritani, tuttavia, non si davano per vinti e approfittando di alcuni svarioni della difesa meneghina calavano un poker nel loro primo inning offensivo e segnavano un altro punto nella successiva seconda ripresa. Capitan Scarso e compagni rispondevano a loro volta con quattro punti nella parte alta del terzo inning e serravano le maglie difensive nella parte bassa della terza ripresa. I neocampioni d’Italia realizzavano, poi, un altro Big-Inning da cinque punti nella parte alta del quarto inning e limitavano a solo due i punti segnati dagli isolani nella bassa della quinta ripresa, così da ottenere un 15 a 7 finale per i milanesi che faceva scattare la manifesta superiorità dopo il quarto inning e rimetteva in corsa i Lampi per la qualificazione al turno successivo. I Lampi confezionavano 22 valide, rispetto alle 11 dei cagliaritani distribbuite tra Capitan Scarso, Vasquez, Dieng, Levantini e Comi che dopo una prestazione da incubo riusciva a superare le insidie di un campo proibitivo battendo a Casa due punti e partecipando alla sinfonia suonata dai suoi compagni di squadra. Per i Tigers buona la prestazione di Pisu ma soprattutto quella di Serra.

Lampi di nuovo in campo nel successivo incontro contro i Patrini Malnate. I giocatori di Mr Chiesa partivano col piede giusto mettendo a segno un punto nel loro secondo inning ma i Lampi Milano rispondevano con due punti nella loro prima e seconda ripresa d’attacco. Terzo Inning senza segnature da entrambe le parti con i giocatori di Mr Giurleo che lasciavano prima a secco gli avversari nella parte alta della quarta ripresa per poi incrementare di altri due punti il loro bottino nel loro susseguente turno offensivo. Capitan Scarso e compagni chiudevano, dunque, i conti nella parte alta del quinto inning concedendo solo una segnatura agli avversari, così da fissare sul 6 a 2 il punteggio a favore dei Lampi Milano. I Lampi facevano valere la propria esperienza con Capitan Scarso, Vasquez e il solito Dieng a dividersi le valide. I Patrini Malnate presentavano, invece, un Line-up efficace ad intermittenza con Capitan Marchetto, Moreschi e Virgili a fare girare l’attacco.

La maratona di incontri meneghini si concludeva con il game decisivo tra Thunder’s Five Milano e Tigers Cagliari. Avvio soft per i sei volte campioni d’Italia con un solo punto segnato nel secondo inning d’attacco. Pronta risposta isolana che si concretizzava nel pareggio al termine della seconda ripresa offensiva. I Thunder’s, tuttavia, ripresentatisi con la migliore formazione possibile, davano un colpo sull’acceleratore con due punti a referto nella parte alta del terzo inning e una difesa impenetrabile nella parte bassa della terza ripresa. Stesso copione anche nel quarto inning con i milanesi ad incrementare di altri due punti, mentre i cagliaritani a non riuscire a scalfire la muraglia difensiva avversaria. I giocatori di Mr Rossi ponevano fine all’incontro calando un tris nella parte alta del quinto inning e lasciando di nuovo a secco i giocatori di Mr Marzi e Trogu nella bassa della quinta ripresa per un 8 a 1 finale che qualificava i meneghini, come primi del girone davanti ai Lampi. Tra le fila Thunder’s 15 valide totali con altra partita molto regolare per Nesossi, un Ghulam scatenato con ben sei valide, mentre sono tre quelle per Asghar. Da segnalare la pregevole prestazione di Arjola Dedaj in fase difensiva. I Tigers, nonostante la loro abitudine a giocare con temperature calde hanno mostrato troppa stanchezza la quale ha inciso sul game decisivo. Le valide per gli isolani sono 4 con Serra, Zucca e Pisu tra i migliori.

Le partite sono state ottimamente dirette dagli arbitri: Casiraghi, Ciceri, Finkelberg, Fior e Quisini, scrupolosamente classificate da Lucio Di Fonzo e puntualmente raccontate dallo speaker Lorenzo Vinassa De Regnì.

In contemporanea a Porto Sant’Eupilio andava in scena il concentramento con le squadre del girone Est. Gli incontri erano preceduti dai festeggiamenti in onore della squadra della La Loggia Softball vincitrice la sera prima della Coppa dei Campioni di softball sul diamante di Montegranaro. A tal proposito la Vicecapitana Giorgia Necco ha dato aZmeev della CVinta Ravenna la prima pallina dell’incontro. Nella prima partita, dunque, erano proprio i giocatori della CVinta Ravenna di Mr Matteucci ad aprire le danze opposti agli AllBlinds Roma di Mr corazza. Capitan Ferrigno e compagni mettevano a referto un punto nel loro secondo inning d’attacco ma dovevano fare i conti con degli scalpitanti capitolini che calavano, invece subito un tris nella loro prima ripresa offensiva incrementando poi il bottino di un ulteriore lunghezza in quella successiva. I Giallo-Rosso-Neri non riuscivano a prodursi in alcuna reazione, così che Capitan Somma e compagni siglavano altri due punti nel loro terzo inning offensivo e si limitavano a controllare gli avversari fino a fare scattare l’impossibilità di rimonta e il 6 a 1 come risultato finale. Per la CVinta Ravenna l’unico a non farsi travolgere è sempre Capitan Ferrigno con tre valide tra le quali un HR a referto. Buona prestazione complessiva dei Giallo-Rossi, invece, che vanno a segno con quasi tutto il Line-up mostrando ottime prestazioni di Pierri (2 su 2), Bassani (3 su 4), Capitan Somma (2 su 4) e Bernardini (2 su 4) tra i migliori. Da segnalare, inoltre, l’esordio tra le fila AllBlinds di Federica Carbonin a testimoniare quanto sia sempre attivo il movimento nella capitale.

Nel successivo incontro scendevano in diamante i White Sox Bologna contrapposti alla CVinta Ravenna. I felsinei si presentavano, senza Sahli e Tagliaferri ma nonostante questo partivano forte con un Big-Inning da cinque punti nel loro primo inning d’attacco e un altro punto segnato nella successiva seconda ripresa. I Giallo-Rosso-Neri di Mr Matteucci non riuscivano a controbattere, così che Capitan Berganti e compagni mettevano a segno un altro punto nella parte alta del terzo inning, mentre lasciavano a secco gli avversari nella passa della terza ripresa, così da confezionare un 7 a 0 complessivo che faceva scattare la manifesta superiorità. Tra le fila White Sox in evidenza Capitan Berganti (4 su 4), Yemane (3 su 4), Pierini (3 su 4) e Veronese (2 su 4) rispetto agli altri.

Nel terzo game la Fiorentina B. X. C. si opponeva ai White Sox Bologna. I gigliati con una formazione rimaneggiata, senza Comuniello, Oliveri e Abate, andavano in vantaggio nel loro primo inning ed erano poi stoppati dalla difesa felsinea che non concedeva nulla nella successiva seconda ripresa d’attacco. I giocatori di Mr Natalini rispondevano subito ai gigliati con due punti a referto per ciascuno dei due primi inning offensivi amministrando, poi, il vantaggio con una buona difesa, così da sferrare l’attacco decisivo nella loro quarta ripresa nella quale realizzavano un Big-Inning da cinque punti che fissava sul 9 a 1 il risultato facendo scattare la manifesta superiorità. A tenere alto l’onore della Fiorentina ci pensavano Parisi (2 su 3 e Musarella (2 su 4). In fase difensiva buona prestazione di Vanessa Cascio nell’inedito ruolo di interbase. Tra i White Sox Bologna ottima prova di Capitan Berganti (4 su 5 e 2 HR), Pierini (3 su 5), Yemane (3 su 5) e del subentrante Lo Monaco (2 su 2).

La giornata proseguiva, quindi, con la Roma AllBlinds opposta alla Fiorentina B. X. C. con i capitolini che andavano subito in doppio vantaggio nel primo inning ma poi dovevano fare i conti con dei gigliati compatti e sempre esempio di ottima coesione di squadra. I giocatori di Mr Ranieri, infatti, non riuscivano a rispondere agli attacchi romani ma con una buona difesa mantenevano l’incontro aperto fino alla parte alta della quarta ripresa nella quale Capitan Somma e compagni mettevano un altro punto a referto. I giallo-Rossi amministravano ancora il punteggio nella parte bassa del quarto inning per poi calare un tris nell’alta della quinta ripresa. I giocatori della Fiorentina B. X. C. non erano in grado di rispondere agli attacchi capitolini nel corso del loro quinto inning d’attacco, così che l’incontro si completava alla quinta ripresa con un 6 a 0 come risultato definitivo. Per i detentori del trofeo 2013 prestazione da applausi per Federico Bassani (6 su 6) ben assistito dal solito Capitan Somma (5 su 6) e da Daniela Pierri (3 su 5). Bassani monumentale anche in difesa con 9 assistenze. Tra i gigliati buone prove, comunque, per Musarella (2 su 4) e Jerid (2 su 4).

La giornata aveva, dunque, il suo culmine con lo scontro decisivo per la testa del raggruppamento tra Roma AllBlinds e White sox Bologna. I Giallo-rossi si portavano in vantaggio con un punto a segno nel loro secondo inning d’attacco e poi limitavano con una difesa molto reattiva i felsinei nelle successive due riprese. Nulla da segnalare nel terzo inning, mentre Capitan Somma e compagni siglavano altri due punti nella parte alta della quarta ripresa. White Sox Bologna di nuovo a secco nella bassa del quarto inning ma poi in grado di non fare incrementare il bottino di punti ai romani nella parte alta della quinta ripresa. I felsinei si giocavano, dunque, tutto nella bassa del quinto inning ma una strepitosa assistenza del nuovo acquisto dei capitolini Emanuele Mormino vanificava la poderosa battuta di Capitan Berganti destinata all’HR concedendo un solo punto, così che 3 a 1 diveniva il risultato finale con Mr Corazza e i suoi giocatori che intascavano il primo posto. Tra i romani ottime prestazioni per Capitan Somma (3 su 5) e Bassani (3 su 5). Per i White Sox Bologna, invece, buon game per Veronese (2 su 2) entrato al posto di Pierini, Yemane (2 su 4) e Capitan Berganti (2 su 4).

La giornata marchigiana presentava sui titoli di coda l’incontro tra Fiorentina B. X. C. e CVinta Ravenna. Partenza decisa per i gigliati con un tris nel primo inning al quale facevano seguito altri due punti nella seconda ripresa. Difese, quindi, protagoniste e brave a neutralizzare ogni attacco fino alla parte alta del quinto inning nel quale i giocatori di Mr Ranieri piazzavano un altro tris questa volta decisivo che faceva scattare l’impossibilità di rimonta, fissando sul 8 a 0 il risultato finale e consegnando alla Fiorentina B. X. C. il terzo punto del raggruppamento a scapito dei giocatori di Mr Matteucci. Per la Fiorentina 12 valide con da segnalare la bella prestazione di Oussama Jerid (4 su 6), Musarella (3 su 6) e Parisi (3 su 6). Da sottolineare anche la prova difensiva di Jerid con due belle assistenze in stile comuniellano. Solo 3 valide per i giocatori della CVinta Ravenna suddivise in una a testa per Zmeev, Iorio e Capitan Ferrigno.

Alla luce dei risultati e delle classifiche maturate il 21 Settembre a Bologna a partire dalle ore 10.00 avranno il via le semifinali con prima il confronto tra Thunder’s Five Milano e White Sox Bologna al quale farà seguito la partita tra Roma AllBlinds e Lampi Milano. Le vincienti di questi due game si confronteranno poi nello stesso giorno per l’assegnazione della Coppa Italia 2014 e siamo sicuri che saranno degli incontri molto tirati.