AIBX2014, a tutto campo!

Pubblicato il ott 9 2014 - 6:07pm by Matteo Comi

Una pubblicità di una famosa compagnia telefonica recitava qualche anno fa: “… tutto intorno a te”. Il baseball per ciechi ha, infatti, dato vita lo scorso fine settimana ad una serie di esibizioni, tornei e partite dimostrative che hanno coinvolto diverse località del centro e nord Italia andando da Malnate a Milano passando poi per Staranzano e Roma.

Ad aprire questa due giorni molto intensa è stata una dimostrazione tenutasi presso il campo Gurian di Malnate la quale ha coinvolto la squadra dei Patrini Malnate opposta ad una selezione mista delle due squadre di Milano. Le due compagini si sono confrontate in un game da tre inning terminato con la vittoria per 8 a 1 per i Milanesi. Dopo l’incontro è stato possibile per i ragazzini delle seconde e terze medie della scuola di Nazario Sauro di Malnate provare a battere e a correre bendati.

Il campo Kennedy di Milano, invece, è stato teatro di due importanti eventi Domenica: la seconda edizione della Coppa Lombardia del Baseball A. I. B. X. C. e le celebrazioni per i cinquant’anni dell’inaugurazione dell’impianto stesso. Alla Coppa Lombardia trofeo Kales hanno preso parte quest’anno le due formazioni milanesi dei Lampi Milano e dei Thunder’s Five Milano alle quali si è aggiunta la neonata squadra dei Blue Fire C. U. S. Brescia. Ad aprire la competizione è stato l’ennesimo Derbi stagionale tra Thunder’s Five Milano e Lampi Milano. I Thunder’s, freschi vincitori della Coppa Italia 2014, mettevano subito a referto 2 punti nel loro pimo inning d’attacco, mentre erano lasciati a secco nella successiva seconda ripresa. I giocatori di Mr Giurleo rispondevano con un punto nel loro primo inning ma erano poi bloccati dalla difesa dei Rosso-neri nella successiva seconda ripresa. I bianco Blu sembravano, dunque, aver preso le misure agli avversari, così che non permettevano loro altre segnature nel terzo inning e nella quarta ripresa. Capitan Scarso e compagni, quindi, dopo essere stati arginati dalla difesa Thunder’s nel loro terzo inning d’attacco riuscivano a segnare due punti nella successiva quarta ripresa che volevano dire controsorpasso e vittoria con l’esordiente Giuseppe Allegretta che dopo essersi esibito in due pregevoli assistenze dalla posizione di esterno destro piazzava la valida che permetteva a Comi di andare a punto per il 3 a 2 in favore dei Lampi Milano.

Nel secondo game i Lampi Milano erano opposti ai debuttanti dei Blue Fire C. U. S. Brescia. Partenza a razzo dei Campioni d’Italia 2014 che mettevano a segno un Big-Inning da cinque punti nel loro primo inning offensivo, mentre rimanevano a secco nella seconda ripresa. Qualche strike-out dovuto all’emozione dell’esordio e un’attenta difesa meneghina contribbuivano a lasciare il punteggio invariato nei due inning a disposizione dei Blue Fire. Capitan Scarso e compagni ricominciavano a macinare punti nella loro terza ripresa d’attacco con due segnature, calando poi un altro tris in quella successiva. Capitan Ghulam e compagni non riuscivano a rientrare in partita, così  che il risultato rimaneva di 10 a 0 per i milanesi. Esordio difficile per la nuova squadra guidata da Mr Brivio che provava a schierare Barbara Menoni nel ruolo di interbase e Ghulam in quello di esterno centro. Da segnalare le prime volte per Stefania Canino, Jessica Buttiglione e Gaspare Pagano.

Nella terza e ultima partita, ininfluente ai fini dell’assegnazione del torneo, i Blue Fire Brescia erano opposti ai Thunder’s Five Milano e in particolare Sarwar Ghulam, neocapitano della compagine bresciana, aveva l’occasione di confrontarsi con il suo glorioso passato. La sempre reattiva difesa dei milanesi da una parte e un Ghulam schierato nel suo tradizional eruolo di interbase dall’altra contribbuivano a lasciare sullo 0 a 0 il risultato per i primi due inning, mentre era lo stesso pachistano a risolvere la pratica con due HR nella terza e quarta ripresa d’attacco dei Blue Fire ai quali i Thunder’s non riuscivano a rispondere, così che i giocatori di Mr Brivio potevano festeggiare la loro prima vittoria proprio contro la più titolata squadra italiana di questo spettacolare sport.

Le partite sono state dirette dagli arbitri Pavarotti, Quisini, Finkelberg, Fior e Ciceri. A classificare gli incontri è stato Lucio Di Fonzo e a raccontarle con la solita puntualità, come speaker Lorenzo Vinassa De Regny.

Al termine degli incontri aveva luogo la premiazione con la Signora Barbara Barozzi, presidentessa della Kales, che procedeva col premiare le squadre partecipanti e i Lampi Milano, come vincitori del trofeo per il secondo anno consecutivo. La signora Barozzi offriva, inoltre, a giocatori, tecnici, arbitri e collaboratori un ricco e gustoso rinfresco. La giornata milanese proseguiva, dunque, con una gara di “slow-pitch” per ricordare i cinquanta anni dalla prima partita svoltasi al Kennedy nel 1964 tra Europhon Milano e Tanara Parma. A confrontarsi erano due formazioni: una di Parma capitanata da Massimo Fochi e una di Milano con alla guida Carlo Passarotto. Prima della partita i giocatori hanno posato vicino al profilo e ad una targa che ricordava John Fitzgerald Kennedy, presidente degli Stati Uniti d’America al quale il campo è dedicato.

Nelle stesse ore presso il Campo Comunale di Staranzano andava in scena una partita dimostrativa per celebrare i 25 anni della fondazione della AUSER (associazione di volontariato per Assistenza di anziani e disabili). L’evento richiamava un folto pubblico tra il quale era significativa la presenza di ragazzi ciechi ed ipovedenti. Tra le autorità presenti in tribuna possiamo annoverare: il sindaco di Staranzano Riccardo Marchesan,il consigliere della Regione Diego Moretti, il presidente della consulta regionale disabili Vincenzo Zoccano,il presidente regionale Friuli Venezia Giulia dell’Auser Gianfranco Pizzolitto e il Presidente Provinciale  di Gorizia Franco Buttignon. Per quanto riguarda, invece, le personalità legate alla sfera sportiva hanno presenziato al game: il Consigliere Federale FIBS Fabrizio De Robbio,il Presidente del Comitato Regionale FVG Marcello Massa ed alcuni giocatori ,allenatori e dirigenti delle squadre di baseball e softball di Staranzano e di Ronchi dei Legionari.

A darsi sportivamente battaglia in diamante erano una selezione di giocatori provenienti dal girone Est, in particolare dalle squadre degli White Sox Bologna, Fiorentina B. X. C. e CVinta Ravenna opposti ai Patrini di Malnate ai quali si aggiungeva il giocatore dei White Sox Bologna Alberto Veronese. A porgere la prima pallina dell’incontro a Zmeev, Lead Off della selezione Est, era Alberto Mineo Giocatore della Nazionale , “Pro” nei CUBS della Arizona League e di nascita e storia di Ronchi dei Legionari. Partenza senza punti nel primo inning per i giocatori del girone Est i quali non riuscivano a smuovere il risultato neppure nella successiva seconda ripresa. Avvio con un punto per inning per i Patrini Malnate i quali lasciavano di nuovo a secco nella successiva terza e quarta ripresa gli avversari. I giocatori di Mr Chiesa davano, dunque, una decisa sterzata al game con un punto nel loro terzo inning offensivo e un Big-Inning da cinque punti nella successiva quarta ripresa. i varesini si limitavano, così poi ad amministrare il vantaggio e riuscivano a respingere gli attacchi della selezione del girone Est negli inning succesivi fino alla parte alta della settima ripresa al termine della quale scattava l’impossibilità di rimonta per un punteggio di 8 a 0 in favore dei Patrini di Malnate. La selezione Est ha risentito eccessivamente dell’eterogenicità della sua composizione ma in ogni caso vanno segnalate le positive prove di Zmeev (2 su 5) e Battaglia (2 su 4). I Patrini hanno fatto valere, invece, il loro maggiore affiatamento di squadra. Tra i migliori Veronese (6 su 7 e un punto battuto a Casa), Case (4 su 7 e un punto battuto a Casa) ma soprattutto partita maiuscola di Davide Moreschi (5 su 6 e 3 punti battuti a Casa).

Partita diretta senza intoppi dagli arbitri: D’Urso, Foltran, Amurri e Casiraghi con Alessandro Meli nel ruolo di classificatore.

Due giorni intensa di avvenimenti anche a Roma, dove l’A. I. B. X. C. tramite i giocatori, assistenti e tecnici è stata presente alla prima edizione della manifestazione “Believe to be alive”. Una gremita sala Nervi, infatti, ha accolto Sabato donne e uomini provenienti dal sempre più folto mondo paralimpico. Dopo le testimonianze degli atleti paralimpic Oscar De Pellegrin e Assunta Legnante alle quali hanno fatto seguito le esibizioni di Annalisa Minetti, Simona Azzori e Max Tagliata, il Presidente Pancalli si è fatto portavoce dell’abbraccio della numerosa famiglia paralimpica a Papà Francesco il quale ha risposto portando la sua benedizione a tutti gli atleti, gli allenatori e i dirigenti presenti. Ogni Federazione aveva fatto pervenire al Papa attrezzature sportive da destinare a comunità in Italia e all’estero che potranno in questo modo svolgere attività sportive. La manifestazione è poi proseguita anche Domenica in Via della Concigliazione tra Castel Sant’Angelo e San Pietro dove le singole associazioni hanno potuto dimostrare i fondamentali delle loro varie discipline. Molto contento anche il Sindaco Marino il quale ha deciso di cimentarsi con questo sport provando a battere ben assistito da Fabio Azzaro, mentre Stefania Caccamo, Mariarosaria Famiglietti e Luciano Bernardini rilasciavano delle interviste ad una televisione locale.

La stagione proseguirà, quindi, Domenica con il torneo per i 20 anni dell’A. I . B. X. C. in quel di Bologna. Alla competizione prenderanno parte le otto squadre presenti già in Italia alle quali si aggiungeranno i neonati Blue Fire C. U. S. Brescia e l’Aquilone Empoli.