Fortini tuona:”Assurda l’esclusione di Manuel De Angelis dall’Under18″

Pubblicato il ago 21 2017 - 8:41am by Giovanni Colantuono

Manuel De Angelis

Le convocazioni per la nazionale italiana Under18 che disputerà il campionato mondiale di categoria fanno discutere. In molti hanno notato come non ci sia nessun giocatore di scuola nettunese tra le scelte fatte dal manager degli azzurrini John Cortese, e questa di per se è già una notizia. Ora arrivano le dichiarazioni del Patron del Città di Nettuno Academy Piero Fortini che entra nel merito. In particolare Fortini punta il dito sulla mancata convocazione di Manuel De Angelis uno dei talenti più importanti del baseball nettunese che in questo 2017 sta brillando in SerieA. Atleta nel vero senso della parola. Velocità, movimenti armoniosi, ottima media battuta e anche potenza pur essendo ancora un Under18:

“E’ assurdo che uno dei migliori talenti del baseball giovanile italiano non faccia parte della nazionale azzurra Under18 – così esordisce il Patron del Città di Nettuno Piero Fortini – parlo ovviamente del nostro Manuel De Angelis, un talento puro che in questa stagione sta facendo vedere cose incredibili. Non si capisce come si possa lasciare fuori un ragazzo che per tutta la stagione di serieA ha battuto a oltre .300 di media, battendo anche fuoricampo e giocando come un veterano in difesa. Ovunque andiamo si stropicciano gli occhi nel vedere la coppia difensiva Rodriguez-De Angelis. Solo lo staff dell’Under18 ha ignorato la bravura ed il talento di questo giovane che a mio avviso diventerà un grande giocatore. Oggi è già un giocatore affidabile, in difesa fa cose che difficilmente si sono viste perfino in IBL. Non capisco cosa deve fare di più un giovane per meritare una convocazione”.

Andando a dare uno sguardo alle scelte di John Cortese effettivamente l’assenza di Manuel De Angelis nel roster degli azzurri Under18 è difficile da spiegare. Tra tutti i convocati che in questa stagione stanno disputando la SerieA troviamo giocatori molto al di sotto della media battuta di De Angelis che ha chiuso la regular season a .311 di average. Meglio di lui, e di poco, del roster degli azzurrini hanno fatto solo Riccardo Flisi, Riccardo Paolini del Collecchio e Morresi del Macerata. Tutti gli altri giocatori convocati nei ruoli di interni e esterni hanno tutti medie più basse del talento nettunese, alcuni di loro anche al di sotto dei .200 di media battuta! Inspiegabile quindi, statistiche alla mano, la mancata convocazione per De Angelis, in virtù anche della duttilità difensiva del ragazzo vero e proprio utility in questo senso. Oltre alle giocate spettacolari messe in mostra nell’attuale campionato di SerieA. Il valore tecnico di questo ragazzo è indiscutibile, infatti su di lui già ci sono da tempo gli occhi degli scout europei delle franchigie della MLB.

“Sono andato a leggere le statistiche che in questo sport contano – continua Fortini – ditemi per quale motivo deve stare fuori un ragazzo che ha chiuso una regulas season a .311 di media battuta e invece chi non arriva neanche a 160 viene convocato. Il merito prima di tutto, altrimenti uccidiamo questo sport, e stiamo parlando di attività giovanile dove queste riflessioni assumono valore ancora più importante. C’è una cosa indiscutibilmente vera nello sport, il campo parla, il campionato è espressione dei valori. In questo caso mi viene da pensare che si va a vedere solo quello che un ragazzo fa in quei due o tre raduni e basta, fregandosene di quanto un giovane ha fatto in campionato con la propria squadra di club. Questo non è accettabile per un club come il Nettuno che rappresenta la storia di questo sport nel nostro paese.  Il risultato è che in questo modo si manca di rispetto a questo ragazzo, al lavoro del nostro staff tecnico e dei coach che hanno fatto crescere un talento come Manuel De Angelis che, voglio sottolineare, è riconosciuto in tutta Italia.

Pensando al futuro immediato c’è la massima serie che va conquistata prima sul campo. Poi ci sarà anche il discorso sull’ampliamento di quella che sarà la prossima “Serie Nazionale”:

“Siamo nei playoff e stiamo organizzando al meglio la trasferta a Sesto Fiorentino per il girone con Castenaso e Paternò – continua Fortini – voglio che la squadra arrivi a questo punto della stagione al massimo. Siamo il Nettuno, andiamo sempre in campo per vincere e quindi questa SerieA vogliamo vincerla. Per questo dico che il ritorno nella massima serie vogliamo per prima cosa conquistarlo sul campo, poi certamente valuteremo le novità della FIBS. Vi posso già dire che noi siamo sulla stessa linea della federazione che su questa riforma proposta sta lavorando bene, il campionato di vertice va rinnovato e ampliato. Il progetto IBL è fallimentare, questo ormai è un dato di fatto. Noi condividiamo quanto proposto dal vice presidente Mignola e quindi esortiamo la federazione ad andare avanti senza esitazioni verso il rinnovamento. Chi non lo vuole fa del male al baseball italiano e vuole solo mantene il proprio orticello”.

WordPress Author Box
Giovanni Colantuono

Nato a Nettuno. Ha iniziato la carriera giornalistica nel 1991 nell’emittenza televisiva privata come autore e conduttore della rubrica settimanale sul baseball Casabase. Allievo del Piccolo Gruppo di Giornalismo Radio-Televisivo di Michele Plastino, ha poi collaborato con il quotidiano Il Tempo e con varie agenzie di stampa. Radiocronista di Idea Radio ed autore di due film reportage sulla Coppa Campioni di Parigi del ’91 e dell’Europeo del ’91. E’ stato per tre anni addetto stampa del Nettuno e collaboratore dei siti BaseballItalia.it e Baseball.it.. Nel marzo del 2012 è cofondatore di BaseballMania.it di cui è l'editore e il Direttore Editoriale.

Like us on Facebook
Giovanni Colantuono

Follow me on Twitter
Follow @https://twitter.com/g_colantuono on Twitter
Giovanni Colantuono

33 Commenti Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. pino 21 agosto 2017 at 09:39 -

    È vergognoso si continua solo con la politica un ragazzo talentuoso come manuel lo lasciamo a casa perché è di nettuno ma portiamo gli accademisti altrimenti falliamo il progetto. Ridicoli

  2. Rita 21 agosto 2017 at 10:30 -

    vorrei far notare che il 90% dei ragazzi convocati sono di Parma in su! Magari ragazzi molto meritevoli ma fa un po’ strano !!

  3. Giacomo 21 agosto 2017 at 12:46 -

    Buongiorno a tutti…..vorrei far notare che tra tutti gli interni chiamati al mondiale solamente uno è accademista.
    Perciò non attacchiamo con la solita ignoranza l’accademia e il progetto che porta avanti.

  4. Il rosso 21 agosto 2017 at 12:59 -

    Sig pino, De Angelis è un ottimo interno e meritava la convocazione, questo è fuori di dubbio, ma se lei nota bene, uno solo degli interni frequenta l’Accademia quindi quello che afferma è falso e tendenzioso. È vero che gli accademisti sono quasi tutti dentro ( e lo scandalo è il fatto che non ci siano tutti gli eleggibili per età ) ma se nel.baseball i numeri contano ancora qualcosa, quelli di questi ragazzi sono assolutamente i migliori. Quindi lasciamo da parte l’Accademia che già deve scontare abbastanza il poco interesse e cura Federale!

  5. Giulio Tramezzani 21 agosto 2017 at 14:28 -

    E’ bello come ci si stupisca che nella U18 ci sono molti ragazzi del Nord, quando nella U15 è stato fatto uno staff composto esclusivamente da amici nettunesi (anche se poi il pitching coach ha dovuto rinunciare), e sono stati lasciati a casa ragazzi del 2002 che in questi anno hanno dominato la categoria, per prendere figli, figli di amici ecc.ecc. Viva la meritocrazia.

    • Gerardo P. 22 agosto 2017 at 16:53 -

      Se nella Under 15 c’è gente di Nettuno significa che lo hanno meritato, lei dice che sono stati presi figli di amici ecc ecc ma se guarda le statistiche i giocatori sono stati scelti con criteri esatti.

    • Simone 22 agosto 2017 at 16:56 -

      è bello vedere che gente come te non capisce nulla, ma quanto te rode che c ‘è sta la gente per bene di Nettuno in nazionale under 15? E invece di Manuel de angelis che ne pensa? La Meritocrazia qua dov ‘è ?

  6. Ricky 21 agosto 2017 at 17:23 -

    Ad onore del vero: su un totale di 20 giocatori gli accademisti sono 9 e non 1 !!!
    Friuli, Veneto e Milano (?!?!?!) la fanno da pardone.
    Altro aspetto curioso degno di nota:6 giocatori classe ’99 – 8 classe 2000 e 6 classe 2001 !!! (in una fascia d’età dove a livello fisico un anno di differenza è abissale)
    Certo che la “trionfale” vittoria per 9-8 all’ultimo inning contro una selezione del Friuli (priva di 4 elementi impegnati proprio in nazionale) al Memorial Civelli la dice lunga sulle prospettive di questa squadra

  7. Ricky 21 agosto 2017 at 17:26 -

    per la cronaca: dei 9 accademisti 4 sono gli interni

  8. Gianni Mastropietro 21 agosto 2017 at 20:19 -

    Sig.Tramezzani sono quattro anni che con under 18 non vengono chiamati Nettunesi in una fascia di età che è molto vicina alla maturazione di un giocatore eppure i campionati di tutte le categorie maggiori sono piene di Nettunesi in tutta Italia non giustificare le cazzate che fare con inutili giustificazioni altrimenti fai la figura dell’incompetente.

  9. Giulio Tramezzani 22 agosto 2017 at 07:45 -

    Sig.Mastropietro le cazzate le farà lei. E l’incompetente anche.
    Io mi sono limitato a far notare che nella categoria Under 15 i Nettunesi non sono stati di certo penalizzati, a partire dallo staff che, a differenza di quanto succede di solito nelle categorie giovanili in cui si dovrebbe formare gli staff con tecnici in modo che coprano il più possibile il territorio, era formato per la maggiore da amici di Nettuno.
    E con che risultati!!!!!!!!

  10. Franco Ludovisi 22 agosto 2017 at 09:52 -

    Parlo per esperienza diretta.
    Nell’80 ero pitching coach della Nazionale Juniores .Al momento delle selezioni vennero esclusi due giocatori, a mio giudizio “fortissimi” per preferirne altri sicuramente meno bravi. Me la presi tanto che lasciai il concentramento e l’incarico.
    I due esclusi ebbero una carriera luminosissima in seguito e raggiunsero la Nazionale come giocatori e come allenatori: auguro a De Angelis analoga sorte. Mi permetto solo di dire che non trovo opportuna la difesa pubblica del suo Presidente che potrebbe essere scambiata anche come “pressione a favore” per le future convocazioni.

  11. Giacomo 22 agosto 2017 at 10:28 -

    Solamente uno dei quattro ha il ruolo di Manuel

  12. Manzini 22 agosto 2017 at 10:34 -

    Credo sia opportuno e incoraggiante per i ragazzi, che sicuramente leggono i nostri post, aspettare i risultati a fine torneo, poi potrete criticare o elogiare le scelte fatte.
    Almeno questi ragazzi sono tutti Italiani !

    Stefano Manzini

  13. Giuseppe Ricci 22 agosto 2017 at 14:15 -

    Ancora con ste chiacchiere! Qualche “alto in grado” ha ricevuto una telefonata e ha fatto un favore ad un suo amico di Nettuno SEGANDO il ragazzo! Non è credibile che manager è coach di baseball lasciano a casa una ragazzo come De Angelis, sia per i numeri delle statiche che per le caratteristiche tecnico atletiche. NON È CREDIBILE!!!

  14. Aldo 22 agosto 2017 at 15:39 -

    Sig. Mastropietro perché non risponde al Sig. Tramezzani sulle convocazioni della Under 15 e sulle sua pessima figura agli Europei?
    Per esempio non è stato convocato un ragazzo che a detta di tutti è il miglior prospetto di ricevitore che ci sia in giro…
    Ma non ha ne parentele ne amici che contano…..costretto ad andare via….e magari lasciare il baseball….
    È uno schifo generale…..

  15. Marlins 22 agosto 2017 at 16:56 -

    Di scelte discutibili il baseball e pieno da svariati anni, De Angelis meritava la convocazione…ma magari il signor Cortese avrà fatto un altro tipo di ragionamento che solo lui conosce…come detto dal signor Manzini (saggio come sempre) aspettiamo i risultati eppoi giudicheremo l operato del manager e dei giocatori in campo

  16. Franco Ludovisi 22 agosto 2017 at 17:11 -

    Sig. Ricci,
    sempre dalla mia esperienza personale;
    Lei dice che non è credibile che manager e coach di baseball lascino a casa un prospetto come De Angelis.
    Nel mio caso nel 1980 furono esclusi MARCO MAZZIERI E ROLANDO CRETIS e le assicuro che nessuno “alto in grado” fece telefonate.

    Concordo con Manzini di lasciare tranquillo l’ambiente per non comprometterlo con le polemiche.

    Sig, Tramezzani, sempre attenendomi alla mia esperienza, nel 79 lo staff della Nazionale Cadetti era formato da tre bolognesi (fra cui io stesso) ed idem nell’80 per la Juniores:
    le convocazioni venivano fatte dopo aver visionato i prospetti in concentramenti in date successive fino al concentramento finale e le scelte,giuste o sbagliate che fossero, vennero fatte dallo staff degli allenatori e da nessun altro.

    • Giulio Tramezzani 23 agosto 2017 at 10:49 -

      Appunto sig.Ludovisi, cose che succedevano nel 79 e nell’80. Sono passati 40 anni.
      Nel frattempo, nelle categorie giovanili, e mi riferisco in particolare alle categorie fino alla Under 15 (vedi progetto VerdeAzzurro), gli staff erano composti da tecnici che potessero il più possibile coprire il territorio, perchè diventa difficile avere visione su giocatori di regioni lontane. Almeno questa era la tendenza.
      Quest’anno invece lo staff dell U15 era praticamente l’Accademia di Nettuno, con convocazioni fatte di conseguenza (non per forza in mala fede), e pure i risultati pessimi.

      Un saluto.

  17. Il rosso 22 agosto 2017 at 19:11 -

    Io credo che Cortese dovrà lavorare tranquillamente perché è stato fatto un gran lavoro di scouting, dove so per certo che anche chi avrebbe potuto avere delle “raccomandazioni” è rimasto a casa, quindi parliamo di aria fritta.
    È verissimo che contano i numeri, ma anche la capacità di replicarli in tutte le situazioni e magari non sarà stato così alle selezioni e non sarebbe stato così anche in Canada, in questi casi si va a sensazioni…..
    Sbagliato anche aspettare il ritorno dai mondiali per muovere critiche, e chi ha fatto sport sa benissimo che spesso le cose non vanno come si vorrebbe.
    L’unica cosa che dobbiamo perseguire è il lavoro e la crescita dei ragazzi, che non in tutta Italia viene curata come si deve. Per quanto riguarda le convocazioni degli atleti Nettunesi, si potrebbe parlare fino a domani, il signor Mastropietro si stupisce che non siano presi in considerazione, ma osservando bene ci accorgiamo che al netto delle necissata’ attuali che rendono tutti buoni per questa IBL dal valore decisamente non paragonabile a quella di qualchemico anno fa, solo tre o quattro sono dei buoni prospetti e tutti usciti dai settori giovanili già da una decina di anni. Non conosco benissimo la vostra realtà ma oltre a De Angelis ne avete solo un’altro molto buono massimo due, quindi nei prossimi anni non aspettatevi molto di più!!!! Saluti.

  18. Manzini 22 agosto 2017 at 20:09 -

    Credo che la posizione in campo del ragazzo non c’entri con la convocazione.
    Vado ad intuito (voglio essere educato) ma non sono sicuro, tanto cazzata più cazzata meno poco cambia.
    I giocatori devono essere 24/25, che vada De Angelis o un altro poco cambia, a meno che non si tratti di un lanciatore che tiri sopra i 90 mph.
    C’è un giocatore del Cagliari, posizione ss del quale ho letto essere scautato da diverse organizzazioni di major + tutti quelli dell’accademia, di conseguenza 10 posti erano già occupati, aggiungete 7-8 lanciatori, mescolate con 2 o 3 ricevitori, aggiungete un pizzico di meritevoli e Q.B. di raccomandati ed ecco fatta la nazionale.
    Non tutti si chiamano ed hanno il coraggio di Ludovisi.

    Cordialmente
    Stefano Manzini

  19. Manzini 22 agosto 2017 at 20:17 -

    Dimenticavo:
    De Angelis, se sei bravo come dicono emergerai, una volta emerso potrai decidere tu se andare o meno in nazionale maggiore.
    Non c’è soddisfazione più bella nel dire o dettare le tue regole per un’eventuale convocazione, fidati.

    Stefano Manzini

  20. Franco 22 agosto 2017 at 20:42 -

    L’impressione (triste) è che emerge l’incompetenza del manager e di uno staff che non conosce assolutamente la categoria e non si degna – una volta assunto l’incarico – di girare l’Italia per osservare le partite dei giocatori di categoria. A dimostrazione di questo il fatto che TUTTI gli accademisti in età convocabile sono stati chiamati, alcuni dei quali francamente ancora troppo giovani e tanti ottimi elementi oltre allo stesso De Angelis non sono stati considerati proprio per incompetenza dello staff. Questo se si vuol pensare alla buona fede…
    Un appunto al sig. Manzini: purtroppo non sono neppure tutti italiani; 2 lanciatori ed un interno sono venezuelani.

  21. Gianni 22 agosto 2017 at 21:36 -

    Bsera a tutti sono il papà di Manuel De Angelis volevo ringraziare tutti x le belle parole che ho letto su mio figlio grazie,spero che questa mancata convocazione sia un trampolino di lancio

  22. Giuseppe Ricci 22 agosto 2017 at 22:50 -

    Io non faccio una questione di campanile, credo fortemente che la nazionale debba essere la casa dei migliori. Manuel ha dalla sua i numeri, le giocate spettacolari, le capacità tecniche, atletiche e tattiche, che gli consentono di figurare, sebbene junior, in un campionato senior, senza paure ed emozioni, affrontando giocatori esperti e lanciatori di qualità. MI RIFIUTO DI CREDERE che esista un manager tanto incompetente da non vedere queste cose NON È CREDIBILE. Pensare a male si fa peccato ma spesso ci si indovina. Io avevo scritto un nome che la redazione ha censurato, ma in cuor mio sono pronto ad accettare delle motivazioni OGGETTIVE sull’esclusione di Manuel, perché altrimenti è solamente la solita deprimente storia! Se ci sono stati e ci saranno altri “Manuel”? Certo che sì! Il sistema è marcio. Tecnici raccomandati che devono sottostare e convocazioni politiche!

  23. Giuseppe 23 agosto 2017 at 09:39 -

    Assurdo che un ragazzo talentuoso come Manuel venga scartato, evidentemente il “suo posto” doveva essere dato a qualcun altro che mira ad una carriera oltre oceano.

  24. Franco Ludovisi 23 agosto 2017 at 12:58 -

    La polemica è bella entro certi limiti e, se è finalizzata bene, può essere anche costruttiva.
    Anche a me piace polemizzare, entro certi limiti, appunto.
    Sig, Tramezzani, ho citato la mia esperienza “diretta” per essere concreto.
    In questi ultimi 47 anni sono stato sempre presente nel nostro baseball e quindi posso avere opinioni condivisibili come le sue. E non liquidabili perchè obsolete.

    Un plauso infine al Sig. Gianni De Angelis.

  25. marlins 23 agosto 2017 at 13:38 -

    Signor Colantuono non capisco perché non pubblica (cancella) i commenti che in qualche modo non gradiscono il modo di fare del presidente Fortini…il sito e suo…ma non mi sembra giusto non cercare il confronto o cancellare chi “contesta”

  26. Gianni 23 agosto 2017 at 15:57 -

    Sig. Franco, mio figlio è l’unico ad aver partecipato a 4 selezioni su 5 (ovviamente hanno avuto un costo elevato), l’unico ad aver battuto un fuoricampo in bp….e nn aggiungo altro, detto questo, credo che ad averci perso sia la squadra.
    Grazie di tutto….

  27. pino 24 agosto 2017 at 07:19 -

    Questo succede sempre adesso è toccato a manuel tanti ragazzi non vengono neanche presi in considerazione e poi vi ripeto che i manager delle nazionali hanno gli ordini e la priorità di portare gli accademisti e quindi succede che tanti bravi atleti rimangono a casa e manuel è un esempio eclatante auguri

  28. Giulio Tramezzani 24 agosto 2017 at 15:42 -

    Buona sera Ludovisi, non volevo fare polemica. Volevo solo far notare che non si può lamentarsi per presunti favoritismi quando non viene convocato un ragazzo di Nettuno dicendo che sono tutti del nord, quando nella U15 le scelte sono state fatte esattamente al contrario, soprattutto per quanto riguarda lo staff tecnico, e in una categoria dove è molto più difficile avere informazioni sui ragazzi. E non volevo certo dire che hanno fatto bene a non convocare Manuel. Dico solo che probabilmente il manager ha fatto le sue scelte e andrebbero rispettate.

  29. Giuseppe Ricci 26 agosto 2017 at 12:28 -

    Sig Marlins mi sembra che più che un Marlins lei sia un tonno … in scatola! L’argomento del post non è Fortini! Anche io ho avuto il commento “tagliato” … se non le va bene … cambi mare che in ammiraglio si trova sempre.

  30. Giovanni Colantuono
    Giovanni Colantuono 26 agosto 2017 at 16:07 -

    “Marlins” ringrazi un errore nel database che ha pubblicato il suo secondo commento, perché neanche quello andava pubblicato. Non solo lei non ha gli attributi per firmarsi con il suo vero nome e cognome, è anche una persona scorretta perché non rispetta le regole di questo forum. Un individuo come lei non merita risposta. E comuqnue le comunico che il suo indirizzo IP è stato segnalato così vedremo a quale individuo così coraggioso da nascondersi dietro un nickname appartengono questi commenti.