Collecchio, Saccardi contesta il regolamento della Final Four

Pubblicato il set 8 2017 - 12:59pm by Redazione Baseballmania

Il Collecchio si appresta a vivere un finale di stagione intenso e importante. Da domani la semifinale del campionato di SerieA contro i Redskins Imola e poi la prossima settimana la Final Four di Coppa Italia. Sono quindi ore importanti di vigilia che vengono movimentate dalle dichiarazioni del manager Marcello Saccardi in merito al regolamento della Final Four di Coppa e alla richiesta di sostare la semifinale del campionato per via dei giocatori convocati con la nazionale Under18 impegnata nel mondiale di categoria.

“Siamo venuti a sapere solo adesso che la federazione ha deciso di lasciare libero l’utilizzo dei lanciatori nella Final Four di Coppa Italia, quando fino ad oggi, in tutte le fasi del campionato e della coppa italia, una partita era riservata al lanciatore Asi e l’altra libera. Questo chiaramente favorisce chi, come il Città di Nettuno, ha 2 stranieri – ha dichiarato Saccardi – Aggiungo che, in merito alla semifinale del campionato, oltre un mese fa abbiamo chiesto alla federazione la possibilità di spostare di una settimana le semifinali in quanto avevamo 2 giocatori per noi importanti impegnati con la Nazionale U18. E potevano essere 3 visto che uno è passato al Parma nella finestra di mercato di Luglio. Chiaramente, con la motivazione che non si può creare un precedente, non ci è stato concesso. Qualcuno mi dica in quale altro sport una squadra deve rinunciare a propri giocatori perché impegnati con la Nazionale, durante un campionato o ancor peggio durante i play-off”.

Considerazioni importanti quelle di Saccardi, che sottolinea che:”ci sarà la possibilità per il Nettuno di giocarsi semifinale e finale con il lanciatore straniero”. Va però anche evidenziato come  il regolamento del girone di Wild Card dei playoff del campionato sia stato penalizzante per una squadra a favore delle altre due, proprio riguardo l’utilizzo dei pitcher stranieri. Nel girone di playoff, per come era regolamentato, una sola squadra ha giocato due gare contro due lanciatori stranieri potendone schierare uno solo. Questa squadra che alla fine è stata penalizzata dalle regole è stata proprio il Città di Nettuno che ha affrontato nelle due partite del girone Miliani e Perez. E’ chiaro che questo poteva accadere a chi usciva sconfitto dal primo match del raggruppamento, ed è capitato proprio alla squadra nettunese.

Una cosa è certa, a stagione finita, molte situazioni vanno riviste. In sede di riforma dei campionati la Federazione dovrà cercare di eliminare tutte le stonature evidenziate negli anni precedenti.

 

1 Commento Unisciti anche tu alla conversazione!

  1. LaFocaMonaca 10 settembre 2017 at 10:11 -

    Va beh dai ma tanto hanno già vinto coppa e scudetto.
    Troppo forti